la memoria

se ti è piaciuto metti un like

La memoria bisogna esercitarla; lo dicono persino i medici che si occupano di contenimento dell'Alzehimer. C'è però una cosa su cui i nazisti hanno fatto le cose in grande: la fortezza di Mauthausen.

Questo è un blog e dunque non c'è tempo e modo di fare della documentazione. Chi vuole la può trovare qui.

Ci sono stato a maggio di due anni fa con la sezione di Sesto dell'ANED l'associazione dei deportati per motivi politici, cioè di quei lavoratori (in prevelanza) e antifascisti catturati e deportati tra il 43 e il 45  con un ordine preciso: denutrirli e farli morire di lavoro (si campava tra i 3 e i 5 mesi se non ti ammazzavano diversamente.

Andate a Mauthausen; se ce la fate andateci ai primi di maggio e partecipate alla manifestazione internazionale che ricorda la liberazione del campo. Collegatevi qui per avere informazioni e se lo trovate procuratevi il libro di Marsalek in cui con rigore scientifico viene ricostruito tutto. Marsalek era un deportato austriaco che, in virtù del suo essere di lingua tedesca, lavorò in fureria, riuscì a sopravvivere e fu tra gli organizzatori del movimento clandestino di resistenza interna.

I nazisti ci costruirono una campo di lavoro per l'estrazione del granito da usare per le opere del regime e hanno commesso un errore. Il granito è eterno e con il granito eterno hanno realizzato le strutture importanti del campo.

Andateci per avere un'idea dell'abominio. Cercate le testimonianze degli italiani sopravvissuti. Collegatevi al sito dell'ANED per non dimenticare. Io ho visto il locale delle eliminazioni con pallottola nel cranio che arrivava da un finto sistema antropometrico con il deportato che si sedeva tranquillo pensando ad una visita medica o la siringa per la iniezione intracardiaca di benzina e vi assicuro che mi hanno impressionato di più della camera a gas e dei forni.

E ricordiamo che l'Italia ha subito, nello stesso periodo, la tragedia della pulizia etnica nelle Venezia Giulia commessa dagli altri (il movimento comunista di Tito).

Nelle vacanze di Natale ho letto un bel libro di Arrigo Petacco l'Esodo, la tragedia negata quando gli slavi di Serbia, Croazia e Bosnia misero in atto la prima operazione di pulizia etnica nei confronti degli italiani. Se ne è parlato poco perché farlo non era politicamente corretto; anzi era roba da fascisti.

Forse non ce ne rendiamo conto ma sono 65 anni che l'Italia vive in pace. A me la storia piace ma, per fare un esempio, non conoscevo la vicenda della svendita di Pola e dell'esodo degli Italiani a metà degli anni 50. Profughi trattati come fascisti dai compagni alla stazione di Bologna perché gli anni 50 sono stati anni di scontro duro e stupido. Se avete voglia trovate qui un po' di riferimenti.

Buona giornata della Memoria, buona giornata del Ricordo. Studiate la storia, amate la storia, rispettate la storia.

se ti è piaciuto metti un like

Info su Claudio Cereda

nato a Villasanta (MB)il 8/10/1946 | Monza ITIS Hensemberger luglio 1965 diploma perito elettrotecnico | Milano - Università Studi luglio 1970 laurea in fisica | Sesto San Giovanni ITIS 1971 primo incarico di insegnamento | 1974/1976 Quotidiano dei Lavoratori | Roma - Ordine dei Giornalisti ottobre 1976 esame giornalista professionista | 1977-1987 docente matematica e fisica nei licei | 1982-1992 lavoro nel terziario avanzato (informatica per la P.A.) | 1992-2008 docente di matematica e fisica nei licei (classico e poi scientifico PNI) | Milano - USR 2004-2007 concorso a Dirigente Scolastico | Dal 2008 Dirigente Scolastico ITIS Hensemberger Monza | Dal 2011 Dirigente Scolastico ITS S. Bandini Siena | Dal 1° settembre 2012 in pensione | Da allora si occupa di ambiente e sentieristica a Monticiano e ... continua a scrivere
Questa voce è stata pubblicata in Shoah, Storia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


+ tre = 4

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>