ma è mai possibile?

se ti è piaciuto metti un like

Ho ascoltato con pazienza la prima metà di Ballarò reduce da un Consiglio di Istituto dedicato a tuttaltro (rispetto ai  problemi di Berlusconi) e in cui ho visto quanto pesino certe incrostazioni di natura ideologica nel concepire la mission della istituzione scolastica rispetto agli attori del processo educativo.

Pazienza. I cambiamenti veri avvengono su scala molecolare e non si cambia mai opinione per effetto di un dibattito. A me capita così: bisogna essere onesti nei confronti dell'avversario e riflettere su quello che dice indipendentemente dal proprio pensiero. Facendo così a volte si vince a volte si perde, ma comunque si cambia.

Ho ascoltato con pazienza il ministro Alfano, persona che stimo e l'onorevole Bernini che, a giudicare dagli occhi, o ha un metablismo molto rapido o era un po' invasata. Mi ha impressionato una cosa anche rispetto ad una posizione di garantismo assoluto. Alfano e soprattutto Bernini non si fidano dei giudici e lo dicono apertamente. Se è così il problema è molto serio perché la fiducia nello Stato e nei suoi funzionari dovrebbe far parte delle cose su cui stiamo insieme.

Le cose che accadono a Berlusconi in questi giorni hanno una dimensione duplice:

  • c'è la dimensione dei reati penali; andranno provati e deciderà la magistratura su di essi; parlo della magistratura che, come ha sottolineato Paolo Mieli, questa volta non è andata a caso. Ha intercettato e acquisito gli elementi pertinenti rispetto ai reati sottosposti ad indagine; su questo fronte il messaggio che viene dal centro destra non mi convince: poiché la Magistratura è inaffidabile usiamo ogni caillo per impedire indagine e processo
  • c'è poi la dimensione etica; del fatto che alcune cose siano avvenute non c'è dubbio alcuno (D'Addario, Letizia, telefonata su Ruby, appartamento dato in comodato alle belle bimbe, feste a villa San Martino con contorno di Lele Mora); su questo terreno, cari garantisti ci si dimette, senza se e senza ma, perché se uno ha uno stile di vita dissoluto non deve fare il Presidente del Consiglio del governo che predica la moralità; se i tuoi amici sono Lele Mora ed Emilio Fede e questi ti mbrogliano persino sui prestiti che elargisci a uno dei due ti è chiaro che non puoi continuare a far finta di nulla (a prescindere da cosa abbia determinato quel prestito)?
se ti è piaciuto metti un like

Info su Claudio Cereda

nato a Villasanta (MB)il 8/10/1946 | Monza ITIS Hensemberger luglio 1965 diploma perito elettrotecnico | Milano - Università Studi luglio 1970 laurea in fisica | Sesto San Giovanni ITIS 1971 primo incarico di insegnamento | 1974/1976 Quotidiano dei Lavoratori | Roma - Ordine dei Giornalisti ottobre 1976 esame giornalista professionista | 1977-1987 docente matematica e fisica nei licei | 1982-1992 lavoro nel terziario avanzato (informatica per la P.A.) | 1992-2008 docente di matematica e fisica nei licei (classico e poi scientifico PNI) | Milano - USR 2004-2007 concorso a Dirigente Scolastico | Dal 2008 Dirigente Scolastico ITIS Hensemberger Monza | Dal 2011 Dirigente Scolastico ITS S. Bandini Siena | Dal 1° settembre 2012 in pensione | Da allora si occupa di ambiente e sentieristica a Monticiano e ... continua a scrivere
Questa voce è stata pubblicata in Costume e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


+ due = 5

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>