c’era una volta

C’era una volta un’Italia in cui in televisione non si poteva dire “membro” perché quella parola poteva correre il rischio di evocare il “membro maschile”. Tempi di una RAI bacchettona e un po’ oscurantista che puntava però ad educare gli Italiani.L’immagine qui sopra è tratta da una meritoria iniziativa dell’Unità per documentare, rivolgendosi ai lettori, cosa sta sui muri delle nostre città. Ormai non si allude; se l’immagine non basta ci si mette anche la scritta.

Ovviamente più si va in provincia e più lo stile degrada; si va sul pecoreccio. Perché meravigliarsi del fatto che, a livello di sondaggi, par di capire che non ci siano poi eccessivi spostamenti dovuti ai comportamenti a-morali o im-morali del Presidente del Consiglio. Stiamo diventando un paese così.

COMMENTI

Info su Claudio Cereda

nato a Villasanta (MB)il 8/10/1946 | Monza ITIS Hensemberger luglio 1965 diploma perito elettrotecnico | Milano - Università Studi luglio 1970 laurea in fisica | Sesto San Giovanni ITIS 1971 primo incarico di insegnamento | 1974/1976 Quotidiano dei Lavoratori | Roma - Ordine dei Giornalisti ottobre 1976 esame giornalista professionista | 1977-1987 docente matematica e fisica nei licei | 1982-1992 lavoro nel terziario avanzato (informatica per la P.A.) | 1992-2008 docente di matematica e fisica nei licei (classico e poi scientifico PNI) | Milano - USR 2004-2007 concorso a Dirigente Scolastico | Dal 2008 Dirigente Scolastico ITIS Hensemberger Monza | Dal 2011 Dirigente Scolastico ITS S. Bandini Siena | Dal 1° settembre 2012 in pensione
Questa voce è stata pubblicata in Costume, Etica, Giornalismo. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


4 − tre =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>