come è facile morire

La notizia mi aveva colpito già sui giornali on line di sabato pomeriggio; ragazzo toscano in gita scolastica a Napoli trovato morto in camera sabato mattina. Chi voglia vedere tutti i dettagli li trova qui.

Mi aveva insospettito la cosa in sè: non si muore di malore improvviso a 20 anni in gita scolastica.

Le cose sarebbero andate così: al termine della cena finta di andare a dormire; uscita in centro; poi incursione a Scampia guidati da un conoscente napoletano; acquisto di una miscela di cocaina, eroina e roipnol; rientro in albergo; ciack-azione; malore intorno a mezzanotte; il 118 chiamato alle 6 per portarsi via un cadavere. Era in camera con altri due compagni.

Ve ne parlo perché in questi giorni sto gestendo una vicenda di bigiata alcolica di ragazzi under 16 che avrebbe potuto tranquillamente finire così (e non ci siamo andati tanto distanti).

Sto ascoltando le persone coinvolte e, come sempre in questi casi, è difficile ricostruire la verità che, come è noto, ha sempre due facce o è spesso fatta di sfumature. Lo dico e non lo dico, conto una palla tanto nessuno mi potrà smentire. Si scoprono però cose impressionanti: la solitudine, il distacco dagli adulti, la incapacità di valutare gli effetti delle proprie azioni, l'abitudine alle piccole illegalità.

Prima di tornarmene a casa sono anche passato al discount dove sono stati acquistati i superalcolici; c'è un bel cartello che spiega che non si vendono alcolici ai minori di 16 anni e la si mette anche sul politicamente corretto (invece che sul fatto che vendere a un under 16 è reato).

Mentre osservavo le bottiglie di acqua di fuoco con prezzi popolari (poco sopra i 5 €) sono entrati due giovani sudamericani e si sono riforniti. Prosit.

Info su Claudio Cereda

nato a Villasanta (MB)il 8/10/1946 | Monza ITIS Hensemberger luglio 1965 diploma perito elettrotecnico | Milano - Università Studi luglio 1970 laurea in fisica | Sesto San Giovanni ITIS 1971 primo incarico di insegnamento | 1974/1976 Quotidiano dei Lavoratori | Roma - Ordine dei Giornalisti ottobre 1976 esame giornalista professionista | 1977-1987 docente matematica e fisica nei licei | 1982-1992 lavoro nel terziario avanzato (informatica per la P.A.) | 1992-2008 docente di matematica e fisica nei licei (classico e poi scientifico PNI) | Milano - USR 2004-2007 concorso a Dirigente Scolastico | Dal 2008 Dirigente Scolastico ITIS Hensemberger Monza | Dal 2011 Dirigente Scolastico ITS S. Bandini Siena | Dal 1° settembre 2012 in pensione | Da allora si occupa di ambiente e sentieristica a Monticiano e ... continua a scrivere
Questa voce è stata pubblicata in Corsivi, Costume, Scuola e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a come è facile morire

  1. Claudio Cereda scrive:

    Come era facilmente prevedibile i due compagni di camera sono stati indagati: uno per aver procacciato la roba ed entrambi per omissione di soccorso. Lo dico ai ragazzini, perché lo so che lo fanno: di fronte ad una emergenza non incominciate a chiedervi cosa mi succede se chiamo i soccorsi; prima li chiamate e poi ci pensate.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


9 − = cinque

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>