contro la tecnica e contro l’umanesimo

Da stamattina mi collego ai diversi siti dei quotidiani on line e, finalmente, stasera mi sono sentito qualche telegiornale. Prima Bianca Berlinguer e poi Enrico Mentana: nucleare, nucleare, nucleare … I portatori di sfiga non aspettano altro. Caro Mentana, stasera hai toppato la notizia.

Vediamo di riassumere. Terremoto di magnitudo 8.9 (scala Richter).

  1. La scala Richter misura in scala logaritmica la energia liberata dal terremoto. Scala logaritmica significa che quei numeri sono degli esponenti di potenze. Vuol dire che quando la magnitudo aumenta di una unità la energia va moltiplicata di circa 33 volte. Dunque due punti in più vogliono dire energia 1'000 volte superiore.
  2. Il terremoto è avvenuto in Oceano e a una certa profondità (per fortuna). Ha generato un maremoto che in alcune zone è penetrato sino a 10 km dalla costa e i video disponibili in Internet sono impressionanti.
  3. Il terremoto dell'Aquila aveva magnitudo 5.8; a 8.9 ci sono più di 3 punti e ciò significa che il terremoto di oggi ha liberato una energia di circa 30'000 volte quello dell'Aquila e chi ha visto i filmati dell'onda di TsuNami se ne sarà reso conto.
  4. Quello di Messina che fece 120'000 morti ai primi del 900 aveva magnitudo 7.8
  5. Per il Giappone i morti saranno nell'ordine delle migliaia. Facciamo un altro paragone di quelli in uso: misuriamo l'energia in chilotoni (migliaia di tonellate di tritolo equivalenti). La bomba di Hiroshima, che i Giapponesi ben conoscono, aveva una energia di 13 kton. Il terremoto dell'Aquila circa 1 Mton (milione) che è l'ordine di grandezza delle bombe all'idrogeno. Il terremoto di oggi valeva (per la sola scossa principale) 31.6 miliardi di tonellate e cioè circa 3 milioni di volte la bomba di Hiroshima.
  6. Bene, anzi, male. E' successo un evento abbastanza straordinario; i morti dei terremoti più disastrosi si contano a centinaia di migliaia, in Cina, ma anche in Giappone. Questo paese ha da tempo adottato una rigida politica antisismica sia nelle abitazioni civili, sia nelle infrastrutture e quella politica ha retto. Certo con il maremoto ci sono state devastazioni, morti, danni alle infrastrutture energetiche da incendi.
  7. I danni più grossi sono negli impianti petrolchimici a causa degli incendi dovuti all'effetto della scossa sugli impianti e al maremoto. Se non ho capito male, per uno di essi sono state evacuate 80 mila persone. Non importa. La notizia della serata è ma c'è o no la fuga radioattiva?
  8. Questi giornalisti alla ricerca del disastro sono gli stessi che, se gli dai da valutare oggettivamente un parametro scientifico, non sanno da che parte girarsi e sono gli stessi che, ad ogni esame di maturità, ricordano il loro esame al liceo classico oppure, dopo aver detto di avere fatto lo scientifico, aggiungono, vantandosene, di non aver mai capito nulla di scienza (si vede e non si capisce cosa ci sia da vantarsi).
  9. Quando intervistano l'esperto geologo, appena questi cerca di spiegare come è nato il sisma e quanto vale, lo interrompono, perché poi i telespettatori non capiscono e cambiano canale.
  10. Tanto di cappello al sistema giapponese di prevenzione urbanistica e alla protezione civile diffusa. Sono cadute in una volta sola e in uno stesso posto 3 milioni di bombe come quella di Hiroshima e stiamo parlando di qualche migliaio di morti. I catastrofisti sono tristi e sperano che salti il tappo di qualche reattore.

COMMENTI

Info su Claudio Cereda

nato a Villasanta (MB)il 8/10/1946 | Monza ITIS Hensemberger luglio 1965 diploma perito elettrotecnico | Milano - Università Studi luglio 1970 laurea in fisica | Sesto San Giovanni ITIS 1971 primo incarico di insegnamento | 1974/1976 Quotidiano dei Lavoratori | Roma - Ordine dei Giornalisti ottobre 1976 esame giornalista professionista | 1977-1987 docente matematica e fisica nei licei | 1982-1992 lavoro nel terziario avanzato (informatica per la P.A.) | 1992-2008 docente di matematica e fisica nei licei (classico e poi scientifico PNI) | Milano - USR 2004-2007 concorso a Dirigente Scolastico | Dal 2008 Dirigente Scolastico ITIS Hensemberger Monza | Dal 2011 Dirigente Scolastico ITS S. Bandini Siena | Dal 1° settembre 2012 in pensione
Questa voce è stata pubblicata in Cultura, Esteri, Giornalismo, Scienza e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a contro la tecnica e contro l’umanesimo

  1. Roberto 51 scrive:

    Caro Claudio,
    secondo quanto qui riportato (https://inlportal.inl.gov/portal/server.pt?open=514&objID=1269&mode=2&featurestory=DA_101047) sembra esista la possibilità di costruire nanoantenne che catturalo le radiazioni nell’infrarosso.
    Come diceva il vecchio William “Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia.” (Metta pure fisica al posto di filosofia, il concetto non cambia).
    Da un vecchio ingegnere ad un (immagino) giovane fisico.

    • admin scrive:

      Claudio 46 forse è più vecchio di Roberto 51; mi sono connesso al sito; ho letto nel mio pessimo inglese e non ho capito quale sia la fisica sottostante; sarò lieto di ricredermi perché le nanotecnologie hanno il vantaggio di operare quasi alla scala atomica e dunque …

  2. francisc scrive:

    Claudio, a primo impatto la domanda della Gruber sembra stupida, però ripensandoci le celle fotovoltaiche trasformano i raggi solari in corrente elettrica, e i raggi solari che sono se non delle radiazioni emessi da un corpo celeste? pertanto anche di notte (con una opportuna tecnologia) si potrebbe produrre energia dalle radiazioni emesse dalla Terra

    • admin scrive:

      No è proprio stupida; la luce è fatta di fotoni (particelle di campo elettromagnetico) di energia individuale proporzionale alla frequenza. Non mi risulta che esistano materiali in grado di dare transizioni energetiche ordinate con le frequenze dell’infrarosso freddo (le radiazioni riemesse di notte dalla Terra)

  3. Claudio scrive:

    Alla conferma del dott. Cereda aggiungo questo link:
    http://www.youtube.com/watch?v=k6NVxmNq5R4&feature=player_embedded
    Non ci sono parole per diefinire Lilli Gruber, si chiede se di notte le celle del fotovoltaico non producono energia. Come scritto nel titolo del link: parlamentare auropea, dovrebbe decidere la sorte del nostro futuro energetico !!!

  4. Matteo Stucchi scrive:

    Mi consoli, caro Claudio. Una volta, parlando di CO e polveri sottili, tentavo di spiegare ad un mio amico giornalista che uno (il CO) si misura in milligrammi, e l’altro, le polveri, in microgrammi, dicendogli stai attento perchè ci sono tre grandezze di differenza.

  5. admin scrive:

    Come diceva il buon Gesù Cristo, perché ti ostini a cercare il fuscello nell’occhio del tuo vicino e non vedi la trave nel tuo?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


× quattro = 4

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>