mi piace, non mi piace

Le cose che mi piacciono e quelle che non mi piacciono sono molto numerose e mi piacerebbe trattarne parlando di scuola e di servizio alla comunità. Penso di farlo nei prossimi giorni.

Ma la notizia del giorno è questa e dunque parliamo di bilancia e del posto in cui debbano sedere il giudice e il pm. Lo faccio prendendola da un punto di vista non tecnico ma emotivo.

  • mi piace Berlusconi che si rimette a lavorare il giorno dopo un intervento chirurgico; non mi piace Berlusconi che si mette sulla faccia un cerotto finto perché la cosa fa immagine; i punti sono interni per dichiarazione unanime degli odontoiatri
  • mi piace Berlusconi che scrive al Tribunale di Milano per giustificare l'assenza di oggi al processo Mills e dichiara che in futuro sarà presente; non mi piacciono le manovre di tipo dilatorio con la finalità di non farlo concludere entro i tempi dovuti
  • mi piace Il Fatto quotidiano che fa un'inchiesta in Marocco e denuncia il tentativo di retrodatare la data di nascita di Ruby da parte di sconosciuti giunti dall'Italia; non mi piace (e fa pensare) il fatto che pochi giorni prima Berlusconi e gli avvocati abbiano dichiarato dimostreremo che Ruby era maggiorenne all'epoca dei fatti
  • mi piace Ghedini che dichiara non siamo così ingenui i registri di nascita sono in più copie e non basta falsificarne uno; non mi piace Ghedini così informato sulla organizzazione dello stato marocchino
  • mi piace la scelta del governo di incardinare, nelle forme dovute, qualche riforma di quelle grosse, come quella della magistratura; non mi piace la chiusura a priori da parte di un pezzo della opposizione visto che le proposte, possono essere condivise o no, ma non vengono da Marte e stanno sul tappeto del nostro paese da anni
  • mi piace la passione che ci sta mettendo il ministro Alfano nel sottolineare la dimensione del problema e la disponibilità a ricercare soluzioni condivise che salvaguardino la sostanza e cioè la necessità di fare riforme in profondità; non mi piacciono le posizioni di quelli che vedono manovre golpiste in ogni modifica costituzionale
  • mi piace una visione dello Stato in cui i funzionari pubblici si comportano non solo con onestà ed onore, ma anche con passione e si considerano al servizio dei cittadini; non mi piace il fatto che non sia così e che la macchina statale, ivi inclusa la magistratura con tutte le sue garanzie, sia piena di persone che vedono solo il loro piccolo tratto di cammino e non vedono l'intero percorso

Info su Claudio Cereda

nato a Villasanta (MB)il 8/10/1946 | Monza ITIS Hensemberger luglio 1965 diploma perito elettrotecnico | Milano - Università Studi luglio 1970 laurea in fisica | Sesto San Giovanni ITIS 1971 primo incarico di insegnamento | 1974/1976 Quotidiano dei Lavoratori | Roma - Ordine dei Giornalisti ottobre 1976 esame giornalista professionista | 1977-1987 docente matematica e fisica nei licei | 1982-1992 lavoro nel terziario avanzato (informatica per la P.A.) | 1992-2008 docente di matematica e fisica nei licei (classico e poi scientifico PNI) | Milano - USR 2004-2007 concorso a Dirigente Scolastico | Dal 2008 Dirigente Scolastico ITIS Hensemberger Monza | Dal 2011 Dirigente Scolastico ITS S. Bandini Siena | Dal 1° settembre 2012 in pensione | Da allora si occupa di ambiente e sentieristica a Monticiano e ... continua a scrivere
Questa voce è stata pubblicata in Istituzioni, Politica interna e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


otto − 7 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>