il signor inculca … e la realtà dell’educare

Sono reduce da un convegno di tre giorni dedicato a due degli elementi di novità nel riordino della Istruzione Tecnica: Comitati Tecnico Scientifici e Dipartimenti. Non ho fatto a tempo a tornare in Lombardia e il Presidente del fare ha colpito ancora questa volta a Padova.

Finalmente i genitori possono scegliere liberamente "quale educazione dare ai loro figli e sottrarli a quegli insegnamenti di sinistra che nella scuola pubblica inculcano ideologie e valori diversi da quelli della famiglia". Si rivolgeva alla associazione nazionale delle mamme; non so cosa sia ma il nome, mediaticamente, porta bene.

Ci risiamo con la cultura dell'inculca e con gli insegnanti di sinistra.

Stamane, tornato a scuola ho messo on line una lettera che mi ha inviato una rappresentante di classe che prendeva spunto dalla riunione periodica con i rappresentanti dei genitori dedicata ad alcune problematiche di emergenza educativa.

Ho chiesto alla mamma il permesso di pubblicarla e l'ho messa sul sito della scuola insieme ad un invito ad intervenire. Vi consiglio di leggerla per rincuorarvi rispetto alle famiglie e alla scuola pubblica.

La signora propone tra l'altro: dei corsi comuni dedicati al controllo delle emozioni, la presenza di alunni degli ultimi anni nel promuovere lo studio dei piccoli, una azione di servizio civile nella scuola in cui giovani-adulti cooperino con giovani-adolescenti. Tutte cose bellissime e che costano. Chissa se le potremo fare. Sono cose che si pensano e che si tentano di fare in quella scuola di stato che il presidente del consiglio invece di promuovere disprezza. La nostra mamma propone cose che costano molto meno di un depilatore laser e hanno un effetto sociale molto più ampio e positivo.

Oggi pomeriggio vado ad un convegno proposso dalla Amministrazione Provinciale di MB per valorizzare le azioni di volontariato nella scuola pubblica. Anche questa è un'ottima cosa: bisogna riuscire a far incontrare la società civile e la scuola e fare in modo che ci sia una mano. Non è facile farlo ma ci si può provare.

 

Info su Claudio Cereda

nato a Villasanta (MB)il 8/10/1946 | Monza ITIS Hensemberger luglio 1965 diploma perito elettrotecnico | Milano - Università Studi luglio 1970 laurea in fisica | Sesto San Giovanni ITIS 1971 primo incarico di insegnamento | 1974/1976 Quotidiano dei Lavoratori | Roma - Ordine dei Giornalisti ottobre 1976 esame giornalista professionista | 1977-1987 docente matematica e fisica nei licei | 1982-1992 lavoro nel terziario avanzato (informatica per la P.A.) | 1992-2008 docente di matematica e fisica nei licei (classico e poi scientifico PNI) | Milano - USR 2004-2007 concorso a Dirigente Scolastico | Dal 2008 Dirigente Scolastico ITIS Hensemberger Monza | Dal 2011 Dirigente Scolastico ITS S. Bandini Siena | Dal 1° settembre 2012 in pensione
Questa voce è stata pubblicata in Etica, Scuola e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


tre − 1 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>