lavoro: cosa cambia? Boh

Stamane ho cercato di leggere la scheda informativa pubblicata sull Corriere on Line. Non sono arrivato alla fine e soprattutto non ho capito bene quali siano i punti spinosi su cui Fornero insiste mentre Camusso e Bonanni frenano.

Visto che sembra esserci l'intenzione di stringere e portare a casa risultati piuttosto rapidamente, sarebbe opportuno che su queste faccende la questione non venisse affrontata come tema per addetti ai lavori e che i giornalisti e gli attori della trattativa facessero uno sforzo di spiegazione. Spiegazioni, non risse; niente frasi ad effetto e sereno esame dei pro e dei contro.

Mi pare di capire che Fornero spinga per innovare su "assicurazione sociale" e contratti di apprendistato e che vorrebbe cancellare la cassa integrazione straordinaria o almeno legarla a processi reali di conversione-ristrutturazione.

Ogi in Italia ti può capitare di restare disoccupato e con tutele ridicole oppure di farti anni e anni senza lavorare essendo pagato e andare poi (dopo anni di cassa straordinaria) in pensione a meno di 60 anni. Questo non va bene; ma poiché si tratta di demolire un pezzo di stato sociale sarebbe bene farlo in maniera più trasparente e consapevole.

Lo stesso vale per i contratti di apprendistato che sono probabilmente lo strumento per rendere più facile l'accesso al lavoro e per diminuire la dispersione scolastica di molti giovani con la idiosincrasia per Dante o per i prodotti notevoli. Quando però leggo che saranno previse tre forme di apprendistato (di base, professionalizzante e di alta formazione) mi chiedo se non stiamo per varare l'ennesima presa in giro (ma come è possibile che si facca dell'apprendistato di alta formazione).

Insomma: aiutateci a capire, non fate volare gli stracci, e decidete (perché questo è il governo che può prendere decisioni).

 

Info su Claudio Cereda

nato a Villasanta (MB)il 8/10/1946 | Monza ITIS Hensemberger luglio 1965 diploma perito elettrotecnico | Milano - Università Studi luglio 1970 laurea in fisica | Sesto San Giovanni ITIS 1971 primo incarico di insegnamento | 1974/1976 Quotidiano dei Lavoratori | Roma - Ordine dei Giornalisti ottobre 1976 esame giornalista professionista | 1977-1987 docente matematica e fisica nei licei | 1982-1992 lavoro nel terziario avanzato (informatica per la P.A.) | 1992-2008 docente di matematica e fisica nei licei (classico e poi scientifico PNI) | Milano - USR 2004-2007 concorso a Dirigente Scolastico | Dal 2008 Dirigente Scolastico ITIS Hensemberger Monza | Dal 2011 Dirigente Scolastico ITS S. Bandini Siena | Dal 1° settembre 2012 in pensione | Da allora si occupa di ambiente e sentieristica a Monticiano e ... continua a scrivere
Questa voce è stata pubblicata in Economia e sindacato, Politica interna e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


1 + = quattro

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>