fascista, revisionista, stupido od opportunista?

Berlusconi, non invitato, si è presentato alla cerimonia di inaugurazione del monumento al "binario 21", quello da cui partivano i treni dei deportati (ebrei e politici) per i campi di annientamento e per i campi di sterminio; si è addormentato più volte durante gli interventi delle autorità e ha dichiarato alle TV presenti: E' difficile adesso mettersi nei panni di chi decise allora. Certamente il governo di allora per il timore che la potenza tedesca si concretizzasse in una vittoria generale preferì essere alleato alla Germania di Hitler piuttosto che contrappovisi. E dentro questa alleanza ci fu l'imposizione della lotta e dello sterminio contro gli ebrei. Quindi il fatto delle leggi razziali è la peggiore colpa di un leader, Mussolini, che per tanti altri versi, invece, aveva fatto bene.

Horiportato il testo integralmente digitandolo dal video disponibile su YouTube. Naturalmente, dopo essere stato sommerso da un mare di critiche, ha fatto una serie di dichiarazioni e precisazioni nel suo stile. Siamo alle solite: tira il sasso e nasconde la mano. Le ignoro e osservo che:

  1. Berlusconi ignora le leggi fascistissime e l'assassinio di Matteotti. Cosa ne pensano i tanti ex socialisti trasmigrati in Forza Italia? Cicchitto? Verdini? Stefania Craxi? Sacconi? Brunetta?
  2. Berlusconi giustifica la entrata in guerra al fianco della Germania per ragioni di opportunità. E' una affermazione molto grave, molto più grave della benevolenza verso Mussolini. Lo ha fatto per impulso? Per ignoranza? Per fare il pieno nell'elettorato di estrema destra? L'Italia repubblicana ha avuto per più di 10 anni un Presidente del Consiglio che pensa che se la guerra l'avesse vinta Hitler, tutto sommato …
  3. Le leggi razziali furono una sorta di sottoprodotto che l'Italia dovette digerire obtorto collo? E' vero che molti fascisti, anche della prima ora, rimasero spiazzati (tra loro anche qualche ebreo), ma è anche vero che: a) i provvedimenti sulla razza e sulla stirpe precedettero di due anni l'entrata in guerra b) ci fu un antisemitismo italiano prima della entrata in guerra c) ci furono componenti antisemite tra le forze repubblichine.  E' vero che nel popolo italiano l'antisemitismo non passò e non ci fu la voglia di non vedere che ci fu invece in Germania. Italiani brava gente.
  4. A parte le leggi razziali Mussolini ha fatto tanto bene. La guerra d'Etiopia? La guerra di Spagna? La campagna di Russia con i fucilini e gli scarponi di cartone? La aggressione alla Francia pensando ad una guerra ormai risolta? Le porcherie in Grecia e in Albania? Una domanda allo storico Berlusconi: i regimi fascisti e razzisti degli anni 30 e 40 che presero ad esempio e modello il fascismo italiano, portarono alla II guerra mondiale per l'impazzimento di Hitler o perché quel tipo di sistema politico aveva come necessario corollario il militarismo e la guerra di conquista?

Berlusconi 15 giorni fa alla trasmissione di Santoro ha fatto dell'ironia sugli studenti delle scuole serali, ma par di capire che la sua cultura storica e politica abbia una sola pietra di paragone: il Trota; con la differenza che il figlio di Bossi aspirava solo a mungere il potere di papà, mentre Berlusconi vorrebbe riprendersi l'Italia e attaccare l'Europa; anche a costo di passare per fascista.

 

 

 

 

 

 

COMMENTI

Info su Claudio Cereda

nato a Villasanta (MB)il 8/10/1946 | Monza ITIS Hensemberger luglio 1965 diploma perito elettrotecnico | Milano - Università Studi luglio 1970 laurea in fisica | Sesto San Giovanni ITIS 1971 primo incarico di insegnamento | 1974/1976 Quotidiano dei Lavoratori | Roma - Ordine dei Giornalisti ottobre 1976 esame giornalista professionista | 1977-1987 docente matematica e fisica nei licei | 1982-1992 lavoro nel terziario avanzato (informatica per la P.A.) | 1992-2008 docente di matematica e fisica nei licei (classico e poi scientifico PNI) | Milano - USR 2004-2007 concorso a Dirigente Scolastico | Dal 2008 Dirigente Scolastico ITIS Hensemberger Monza | Dal 2011 Dirigente Scolastico ITS S. Bandini Siena | Dal 1° settembre 2012 in pensione
Questa voce è stata pubblicata in Corsivi, Istituzioni, Storia e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


sei − = 5

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>