Nevica (poco) – governo ladro

se ti è piaciuto metti un like

Un articolo per il Sussidiario di commento alla decisione del ministero di spostare ad altra data le prime prove scritte del Concorsone della scuola. Ci sono state polemiche in larga parte pretestuose sulla non opportunità e sulle conseguenze del rinvio.

Il vero problema, in Italia è che non si riesce a muovere un mattone nella pubblica amministrazione senza che ci sia una serie di ricorsi al TAR. Segnalo che, in Lombardia, i Dirigenti Scolastici vincitori del concorso terminato un anno fa stanno tra color che son sospesi perché pare che in determinate condizioni di illuminazione le buste con i dati del candidato fossero leggibili in trasparenza. Si è in attesa tra perizie e controperizie di una decisione definitiva del Consiglio di Stato. Chi ha perso spera; chi ha vinto con merito si incazza e intanto … ci sono un sacco di scuole senza un responsabile in grado di gestire la scuola (non possono essere considerate tali le reggenze in cui un dirigente di altra scuola viene a mettere le firme e a controllare che tutto sia in ordine). 

Questa è la ragione vera del rinvio. Intanto, per il concorso c'è un problema serio di formazione delle commissioni perché, applicando la vecchia massima del fare le nozze con i fichi secchi, secondo il ministero i docenti e dirigenti chiamati a far parte o a presiedere le commissioni dovrebbero accontentarsi di retribuzioni da cottimo in Cina.

Ce ne è anche un altra: il bando prevedeva per la prova preselettiva un punteggio minimo di 35 su 50; il solito sindacato autonomo ha fatto ricorso perché la sufficienza corrisponde a 30 e dunque … Il solito Tar del Lazio ha dato ragione e ha ammesso con riserva quelli con voto da 30 a 34.5. Così va il mondo.

Vi segnalo, nella pagina Educazione de Il Sussidiario una serie di interviste sul Programma-Scuola ai responsabili delle principali forze politiche. Secondo me non c'è da stare allegri: dominano la genericità e lo spirito di conservazione.

Vai all'articolo in PDF sul mio blog. Vai alla pagina degli articoli sulla scuola.

 

se ti è piaciuto metti un like

Info su Claudio Cereda

nato a Villasanta (MB)il 8/10/1946 | Monza ITIS Hensemberger luglio 1965 diploma perito elettrotecnico | Milano - Università Studi luglio 1970 laurea in fisica | Sesto San Giovanni ITIS 1971 primo incarico di insegnamento | 1974/1976 Quotidiano dei Lavoratori | Roma - Ordine dei Giornalisti ottobre 1976 esame giornalista professionista | 1977-1987 docente matematica e fisica nei licei | 1982-1992 lavoro nel terziario avanzato (informatica per la P.A.) | 1992-2008 docente di matematica e fisica nei licei (classico e poi scientifico PNI) | Milano - USR 2004-2007 concorso a Dirigente Scolastico | Dal 2008 Dirigente Scolastico ITIS Hensemberger Monza | Dal 2011 Dirigente Scolastico ITS S. Bandini Siena | Dal 1° settembre 2012 in pensione | Da allora si occupa di ambiente e sentieristica a Monticiano e ... continua a scrivere
Questa voce è stata pubblicata in Istituzioni, Scuola e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


1 + due =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>