primarie per i segretari regionali del PD

se ti è piaciuto metti un like

Tutti i telecommentatori si sono buttati a pesce sul flop d partecipazione alle primarie PD per eleggere i segretari regionali: ecco il segno della protesta contro la congiura di palazzo ordita da Renzi e dall'apparato di sinistra.

Ma quando mai?

Una volta tanto sono grato al PD toscano che ci ha risparmiato la afflizione: ha cercato un candidato unitario e ci ha risparmiato le primarie. Da iscritto e politicamente impegnato l'ho saputo perchè c'è stata una riunione di sezione anche se, per via dell'età e di una precedente riunione a Siena, non ho retto sino alla fine.

La maggioranza dei nostri elettori ha saputo delle primarie a cosa avvenuta e si starebbe chiedendo se la sua assenza indica disimpegno, incazzatura o pernacchia al giornalista (incluso il genere femminile). Fassina (ma va?) si è subito lanciato a corpo morto.

Già che siamo in tema devo che che mi hanno impressionato in questi giorni alcune cose relative all'establishment:

  • il rito delle consultazioni con i politici che, meno cose avevano da dire e più parlavano. Impressionante Pino Pisicchio (chi era costui?) che si deve essere detto, se non parlo adesso, quando mai mi fanno vedere in TV?
  • la composizione delle delegazioni: 1) Forza Italia che sembrava la sala della evoluzione della specie da destra a sinistra 135 Brunetta, 160 Berlusconi (che sembra più alto per via della pedana), 175 Romani 2) Il PD con Zanda che parlava e Speranza sullo sfondo muto, compassato e inutile (come sempre) 3) Il NCD con Alfano, Schifani e Sacconi che facevano rimpiangere Cicchitto e Gasparri
  • il casino sulla carattere extraparlamentare della crisi con la ammuina di quelli che il governo deve riferire al parlamento
  • il via vai delle voci sui ministri che entrano ed escono dalla rosa
  • Alfano e gli inutili idioti detto 4 volte con le pause e la voce in ascesa senza rendersi conto che le battute belle sono quelle che fanno ridere al primo colpo e che i suoi ascoltatori si stavano chiedendo se anche lui andasse messo nel conto per via dell'inutile o per via dell'idiota; Alfano che strilla che il nuovo centro destra è in prima linea a volere le riforme … mah!

 

se ti è piaciuto metti un like

Info su Claudio Cereda

nato a Villasanta (MB)il 8/10/1946 | Monza ITIS Hensemberger luglio 1965 diploma perito elettrotecnico | Milano - Università Studi luglio 1970 laurea in fisica | Sesto San Giovanni ITIS 1971 primo incarico di insegnamento | 1974/1976 Quotidiano dei Lavoratori | Roma - Ordine dei Giornalisti ottobre 1976 esame giornalista professionista | 1977-1987 docente matematica e fisica nei licei | 1982-1992 lavoro nel terziario avanzato (informatica per la P.A.) | 1992-2008 docente di matematica e fisica nei licei (classico e poi scientifico PNI) | Milano - USR 2004-2007 concorso a Dirigente Scolastico | Dal 2008 Dirigente Scolastico ITIS Hensemberger Monza | Dal 2011 Dirigente Scolastico ITS S. Bandini Siena | Dal 1° settembre 2012 in pensione | Da allora si occupa di ambiente e sentieristica a Monticiano e ... continua a scrivere
Questa voce è stata pubblicata in Corsivi, Giornalismo, Politica interna e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


nove × = 36

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>