A torto o a ragione – István Szabó

A torto o a ragione (2002) è un film franco-tedesco che tratta della indagine istruttoria compiuta dagli americani nella fase di repulisti a Berlino, dopo la caduta del nazismo, contro il grande direttore d'orchestra Wilhelm Furtwängler accusato dagli americani di non essersene andato dalla Germania nazista e di aver continuato a dirigere l’orchestra dei Berliner Philarmoniker mantenendo un rapporto ambiguo con Goebbels e con Goering.

Ho trovato in rete una bella recensione di Gabriella Alù e rimando ad essa ricca com'è di fotografie, commenti, trama, citazioni e riflessioni e ciò mi consente di risparmiare tempo e lavoro.

Ho visto il film al buio, senza documentarmi e senza leggere recensioni e, man mano che il tempo passava, mi chiedevo: ma sono io ad essere strano o è stato il regista a volerlo? Mi ritrovavo ad indignarmi per metodi e modi di trattare l'imputato che trovavo barbari ed eccessivi e la figura di Furtwängler mi risultava sempre più empatica. Poi ho visto che il film era franco-tedesco e il regista ungherese e ho pensato all'Europa che scricchiolerà un po' ma è sempre l'Europa.

Da una parte c'è il grande direttore, che appare anche un grande intellettuale, e dall'altra il maggiore americano Steve Arnold (Harvey Keitel), un agente d'assicurazione prestato all'esercito e che vorrebbe svolgere il ruolo di un Torquemada duro e puro che scivola continuamente nel fanatismo e nel ridicolo. Abbattuti dal fanatismo e dalla mancanza di cultura e di pietà cadono progressivamente i castelli della giustizia senza se e senza ma e persino i due collaboratori del maggiore (un ufficiale ebreo e una profuga di ritorno dai lager figlia di uno degli attentatori a Hitler) si ritrovano dalla parte di Furtwängler e della complessità. E' un film di cui consiglio la visione al nostro Torquemada Marco Travaglio recentemente passato a dirigere il Fatto quotidiano.

Nelle scene finali si rivedono i fotogrammi finali del vero concerto tenuto da Furtwängler nel 1942 davanti a Hess e a Goebbels con il maestreo che, dopo aver stratto la mano al ministro di Hitler, si passa ripetutamente un fazzoletto da una mano all'altra con la scusa di asgiugarle oppure per ripulirle e non dover fare il saluto nazista.

Naturalmente vi gusterete anche tanta bella musica classica.


Il mio voto: 8


 

COMMENTI

Info su Claudio Cereda

nato a Villasanta (MB)il 8/10/1946 | Monza ITIS Hensemberger luglio 1965 diploma perito elettrotecnico | Milano - Università Studi luglio 1970 laurea in fisica | Sesto San Giovanni ITIS 1971 primo incarico di insegnamento | 1974/1976 Quotidiano dei Lavoratori | Roma - Ordine dei Giornalisti ottobre 1976 esame giornalista professionista | 1977-1987 docente matematica e fisica nei licei | 1982-1992 lavoro nel terziario avanzato (informatica per la P.A.) | 1992-2008 docente di matematica e fisica nei licei (classico e poi scientifico PNI) | Milano - USR 2004-2007 concorso a Dirigente Scolastico | Dal 2008 Dirigente Scolastico ITIS Hensemberger Monza | Dal 2011 Dirigente Scolastico ITS S. Bandini Siena | Dal 1° settembre 2012 in pensione
Questa voce è stata pubblicata in Cultura, Etica, Film e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


7 − cinque =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>