i piedi per terra

E' in atto una sgangherata polemica contro Nicki Vendola che si è permesso di optare per la gravidanza surrogata. Personalmente sono fortemente contrario a questa pratica in tutte le sue varianti mentre, come mi è già capitato di scrivere, penso che il tema del matrimonio tra omosessuali sia una cosa che, prima o poi andrà affrontata, tirandosi dietro automaticamente la soluzione al tema della adozione dentro coppie omosessuali.

Il vero problema, a me, pare quello.

Trovo però penosa la discussione innescata da quelli,  come Gasparri, che urlano vogliamo sapere quanti soldi ha speso Vendola, non si comperano i bambini.

Io non lo so quanti soldi ha speso Vendola, ma so che mia figlia e mio genero, per adottare in Federazione Russa una coppia di fratellini che ora sono parte e centro della nostra famiglia, hanno dovuto fare un finanziamento di qualche decina di migliaia di euro tra pratiche, viaggi e pagamento degli enti facilitatori. E quel finanziamento, quasi quattro anni dopo, lo stanno ancora pagando.

Nel frattempo lo stato e la regione, per difficoltà di bilancio, hanno smesso anche di erogare i contributi parziali che concedevano seppur in ritardo. Sono queste le risposte che io darei alle polemiche sgangherate della destra.

Sapete cosa mi consola: sono certo che quando il PD presenterà un progetto di legge per rivedere tutto il tema delle adozioni, si discuterà a partire dai casi più diffusi, quelli tra coppie etrosessuali, giungendo poi a normare anche gli altri casi e non viceversa. E si affronterà anche il tema del costo, delle verifiche da fare, delle pratiche inutili, dei tempi di risposta, ….

Non è vero che è un percorso impossibile, è vero che è un percorso complicato.

Questa è la politica che mi piace: si affrontano tematiche sui diritti partendo dal contesto di società in cui si opera e non viceversa. Sono concetti difficili da capire per i giornalisti e i politici che amano strillare e non hanno capito che su queste faccende l'era di Renzi segna un cambiamento di rotta: si fanno le cose e si fanno quelle giuste.

Si allarga il consenso in Parlamento; evviva. Un altro titolo di questo post avrebbe potuto essere "senza s(S)peranza".

 

COMMENTI

Info su Claudio Cereda

nato a Villasanta (MB)il 8/10/1946 | Monza ITIS Hensemberger luglio 1965 diploma perito elettrotecnico | Milano - Università Studi luglio 1970 laurea in fisica | Sesto San Giovanni ITIS 1971 primo incarico di insegnamento | 1974/1976 Quotidiano dei Lavoratori | Roma - Ordine dei Giornalisti ottobre 1976 esame giornalista professionista | 1977-1987 docente matematica e fisica nei licei | 1982-1992 lavoro nel terziario avanzato (informatica per la P.A.) | 1992-2008 docente di matematica e fisica nei licei (classico e poi scientifico PNI) | Milano - USR 2004-2007 concorso a Dirigente Scolastico | Dal 2008 Dirigente Scolastico ITIS Hensemberger Monza | Dal 2011 Dirigente Scolastico ITS S. Bandini Siena | Dal 1° settembre 2012 in pensione
Questa voce è stata pubblicata in Bioetica, Politica interna e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


sette + 1 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>