I giacimenti – riflessioni sull’insegnamento elementare a inizio 900 – 1

se ti è piaciuto metti un like

Sto leggendo un libriccino che riporta i “Programmi Particolareggiati” per le Scuole Elementari della città di Ascoli Piceno, con visto del Regio Ispettore, firmati dal Direttore Didattico e da distribuire agli insegnanti. L’anno è il 1908. Riporto qui per brevità solo alcuni elementi che più colpiscono e confrontando solo dalla prima classe alla quinta, saltando le intermedie, e la “sesta”.

Si tratta di programmi che ancora risentono della ispirazione positivista, sia pure “mediata” da pensatori come il Lambruschini che coniugava ispirazione cattolica e cultura delle scienze…

Non vi è qui spazio per un commento puntuale ed analitico: vi sono spunti che non posso riportare, ma di grande significato.

Per esempio contenuti di insegnamento/apprendimento di riferimento diretto alla vita pratica e quotidiana come Elementi computisteria pratica. Scritture d’uso più frequente: fatture, ricevute e quietanze, obbligazione, cambiale, inventario. Tenuta dei conti di una azienda domestica, registro di cassa; conto di una famiglia presso un negozio con nota di acconti; idea del bilancio (Classe quinta). O ai Lavori donneschi come: Seconda calza. Lavori all’uncinetto. Impuntura dritta (Classe terza) o come Camicia da donna con sprone o senza, insegnamento di tutti i punti necessari per i diversi capi di biancheria. Lavori all’uncinetto: pizzi diversi …Bucato dei pannolini bianchi… stiratura…(Classe Quinta).

E ancora per Educazione morale: diritti civili, eguaglianza dei cittadini, libertà individuale, inviolabilità di domicilio, diritto di associazione…Diritti politici… Conoscenza dei principali doveri del cittadino: rispetto dei diritti altrui, rispetto delle leggi e della autorità, difesa dello Stato, pagamento dei tributi, esercizio cosciente dei diritti politici e delle pubbliche cariche… (Classe Quinta).

E ancora Lezioni di cose (un paradigma della pedagogia positivista): nomi di arti e mestieri esercitati dai padri degli scolari… il ferro, il fabbro ferraio… principali oggetti fatti con il ferro… piante tessili con riguardo alla canapa, cereali…

Per ora limitiamoci a qualche spunto di lettura e, nei prossimi giorni, ci si ritorna sopra a commentare e a riflettere.


Classe prima Primo bimestre (!?).

Scrittura: esercizi preparatori. Modo di tenere la matita e la penna: posizione della persona e del quaderno. Linee semplici tra due righe, linee ascendenti, discendenti e semplici fuori triga, poi con il filetto ed infine arcuate in basso e in alto. Tali esercizi si faranno eseguire su carta reticolata diagonalmente. Scrittura delle vocali e delle consonanti.
Lettura: Vocali. Sillabe semplici formate con le consonanti insegnate. Dettatura: parole semplici formate con le consonanti insegnate.

Esercizi di memoria: poesie brevissime e facilissime, il cui senso venga perfettamente compreso dagli scolari.
Nozioni varie: avvertenze sull’obbligo dei bambini di venire a scuola puliti. Facili domande intorno al loro nome, al nome dei genitori e dei fratelli, dei parenti. Nomi degli oggetti che vedono a scuola. La casa. A che servono le case, chi le fabbrica, parti principali di esse. Divisione del tempo.
Aritmetica. Idea dell’unità rappresentata con oggetti presenti, poi con oggetti assenti conosciuti dagli alunni. Scrittura dei numeri 1-4-0-9, prima sulla lavagna poi sul quaderno. Esercizi di numerazione orale concreta, ascendente e discendente fino a 10. Le quattro operazioni nel limite di 4 cose.

Classe prima Quinto bimestre (!!??).

Scrittura: esercizi accurati e metodici: alfabeto minuscolo e maiuscolo. Nomi comincianti per lettera maiuscola.

Lettura: Esercizi di richiamo su tutte le specie di sillabe, su tutti gli elementi delle parole. Lettura di raccontini sul libro delle prime letture a completamento del Sillabario.
Dettatura: in relazione alla lettura. Dettatura ortografica, ideologica e muta, e qualche esercizio di avviamento al comporre, quale compiere una frase, aggiungendo una parola che esprima qualità, materia, provenienza, ecc…
Nozioni varie: Mestieri principali, Nomi dei principali strumenti da lavoro, mezzi di trasporto per terra e per acqua, l’estate, le piante fruttifere, parti principali dei frutti, I fiori: parti del fiore.
Aritmetica Esercizi di numerazione parlata e scritta fino a 100. Contare in ordine progressivo e regressivo. Le 4 operazioni orali nel limite di 20 cose. Facili addizioni e sottrazioni coi numeri di una cifra disposti in senso verticale, esercizi sulla dozzina, sulla ventina, ecc… Problemi orali.
Educazione morale: Conversazioni facili e pratiche che abbiano per punto di partenza un fatterello avvenuto in iscuola o di recente e noto alla scolaresca, e per punto di arrivo un insegnamento morale alla portata del fanciullo. Modo di comportarsi a scuola, Amore ai genitori, ai maestri, ai compagni. Rispetto pei superiori. Non guastare gli arredi scolastici. Nettezza della scuola, dei libri, dei quaderni. Temperanza nel vitto. Compassione pei bisognosi… Igiene della casa…La ricorrenza del Natale, del Capo d’anno, e di altre feste religiose e civili saranno pure temi di conversazione e di insegnamenti morali.
Disegno (in aiuto della scrittura). Disegno di linee verticali, orizzontali e oblique. Disegno di angoli retti, di quadrati e di rettangoli. Contorni di oggetti semplici come: usci, finestre, cassettoni, sedie, armadi, bicchieri, calamai ecc..

 
Classe Quinta. Primo bimestre.
Lettura e spiegazione: lettura corrente ed espressiva. Riassunto del passo letto. Spiegazione delle parole, dei modi, dei costrutti meno facili. Lettura in casa e riassunto, a voce, a scuola. Uso del vocabolario. Distinzione delle parole declinabili dalle invariabili. Conoscenza delle parole invariabili più frequenti nel discorso. Richiamo con pratici esercizi sull’uso del tu, del voi, del lei. Dichiarazione di proverbi popolari d’uso più comune. Esposizione di fatti di cui l’alunno sia stato soggetto o spettatore. Scritture d’uso comune nella vita privata: domande, ordinazioni. Letterine famigliari. Prose e poesie di scrittori contemporanei, le quali abbiano attinenza con le varie nozioni di storia, igiene, scienze fisiche e naturali e con quanto altro la scuola stessa offre occasioni per l’indirizzo morale e civile degli alunni. Cenni sui principali autori delle prose e poesie dettate.
Aritmetica e geometria: Richiamo delle nozioni apprese in quarta classe. Le quattro operazioni sugli interi e sui decimali. Esercizi orali e scritti in cui entrino le nozioni di sistema metrico con applicazioni anche alle misure di agraria e di uso commerciale
Classe Quinta. Quinto Bimestre.
Grammatica studio pratico della proposizione: proposizione semplice, composta e complessa. Distinzione del complemento diretto e indiretto.
Calligrafia. Gli alunni saranno esercitati nel corsivo commerciale su speciali quaderni. Si esigerà poi che ogni lavoro sia scritto con quella nitidezza che piace all’occhio e aiuta a far bene i compiti assegnati.
Aritmetica e geometria Conoscenza dei principali corpi solidi rotondi: cilindro, cono, sfera. Misurazione pratica dei medesimi. Addizione e sottrazione di frazioni eterogenee. Esercizi e problemi. Calcolo di espressioni per avviamento alla soluzione di problemi sulla regola del tre. La proporzione, proprietà fondamentali e ricerca del quarto proporzionale.
Disegno Il disegno si eseguirà specialmente come sussidio all’insegnamento della geometria. Disegno con strumenti, di figure geometriche semplici e composte aventi carattere ornamentale. Disegno di oggetti su modelli riguardanti le arti e i mestieri. Disegno con strumenti e a mano libera di mobili e costruzioni più comuni.
Scienze naturali e fisiche Idea della macchina in generale. Macchine semplici: fune, ruota, argano, vite, cuneo, leva… Lavoro a mano e a macchina. Nozioni elementari di zoologia…Semplici cognizioni di botanica… Alcune piante medicinali… Nozioni elementari di tecnologia dei legnami. Varie specie di legnami … Metodo pratico di fare ed applicare i colori a olio e a guazzo sul legno… vari tipi di colla…

L'articolo viene linkato in diversi gruppi Faceboook e per consentire all'autore di replicare si consiglia chi volesse commentare di inserire le proprie ossercazioni direttamente in coda all'articolo su Pensieri in Libertà. Grazie

Questo è il link a I giacimenti – portare i cuccioli nella foresta – 2 e a I giacimenti – il circuito mano/occhi/cervello – 3


se ti è piaciuto metti un like

Info su Franco De Anna

Franco De Anna, classe 1946, ora in pensione, è stato uno degli animatori del primo movimento di Scienze a Milano nel 1968 (era a Scienze Naturali). Dal 1999 sino agli anni più recenti ha fatto l'ispettore scolastico nella Regione Marche occupandosi tra le altre cose, sul piano nazionale, delle tematiche della autonomia e rendicontazione sociale della scuola. E' stato segretario milanese, regionale lombardo e poi nazionale della Cgil Scuola. Ha diretto il centro studi della Camera del Lavoro di Milano, l'IRRSAR e l'IRRE. E' autore di numerose pubblicazioni (libri e saggi su riviste specializzate).
Questa voce è stata pubblicata in Costume, Cultura, Scuola e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


7 + quattro =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>