meglio l’ansia – di Antonio J. Mariani

se ti è piaciuto metti un like

Man mano vengono allo scoperto sulla riva del fiume Facebook. Basta aspettarli: prima o poi, eccoli passare coi loro post risentiti, sia nel senso che non è certo la prima volta che così si manifestano, sia perché le loro parole sono improntate a sordo rancore.

Sì, mi sto riferendo a coloro che sparano alla luna, che sono contro per definizione; il non essere mai propositivi, li rende noiosi ed insopportabili, anche perché, talmente sono carichi di astio, che il loro esprimersi fa acqua da tutte le parti; uno dei loro verbi preferiti è asfaltare: decisamente, pestilenziale.

Davvero sgradevole e smaccata è la loro componente anti: di contrarietà, di contrapposizione. Invece, nutro simpatia per quei post da cui traspare una certa ansia, per i motivi più diversi: perché proiettati nelle cose da fare o perché nutrono preoccupazione per quel che bolle in pentola nell’attualità.

M’ispirano simpatia perché mi ci ritrovo, perché tutti abbiamo qualcosa che non possiamo prevedere, controllare, contenere; e, poi, nell’ansia leggo un certo logoramento che, però, confida nella speranza. Oltretutto, nell’ansia, mi par che alberghi qualcosa d’indefinito e sconosciuto, a cui è meglio prestare orecchio. Anche perché, come sappiamo, l’ansia è percezione di un disagio, di una vulnerabilità che ci portiamo appresso; cosa ben diversa dallo stress, che rimanda ad un fatto specifico ed è associabile alla frustrazione.

C’è ansia nell’insicurezza per il domani, per l’instabilità economica, per i mutamenti ambientali, per un clima relazionale che non fa bene a nessuno, per la pandemia che è tutt’altro che in ginocchio: crescenti problematiche che investono un arco troppo vasto. Un’ansia che si aggiunge a quella tipicamente esistenziale e fa sì che la misura sia colma, troppa, eccessiva: abbiamo paura di non farcela. Ma, paradossalmente, è anche un ospite da accogliere perché è un allarme impellente che ci serve per metterci in guardia da qualsiasi scelta declinata al singolare. L’ansia, se gestita, può essere l’anticamera della responsabilità.

se ti è piaciuto metti un like

Info su Antonio Mariani

Sono nato nel 1945. Finora (esagerando un po’), più o meno 7 vite: 1) dal 1960 al ’67 (quindi, dai 15 ai 22 anni): segretario di reparto in una nota azienda elettrodomestica; 2) ’67 e ’68 anni anni sabbatici (in giro in autostop) e leader movimento beat; 3) dal ’68 al ’73: esperienza “sessantottina” e pittorica; 4) dal ’73 al ’79: attività artistica e operatore culturale; 5) dal ’79 al '82: responsabile tv locale a Monza + direzione di due riviste cinematografiche; 6) dal 1982 al 2012 responsabile Banca Dati Tv-Cinema per Fininvest/Mediaset; 7) dal 2012, in pensione (dedicando l’attenzione non all’andamento nei cantieri, ma ai lavori in corso dell’esistenza).
Questa voce è stata pubblicata in Corsivi e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


7 − due =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>