quando ero piccolo – di Alfonso D’Ambrosio

se ti è piaciuto metti un like

Quando ero piccolo ed andavo a scuola, la mia maestra, una cara suora, premiava ogni bambino con un caramella se finivi di fare per primo i problemi di matematica.
Era una gara ed io tornavo a casa con decine di caramelle nel grembiule, che mia mamma puntualmente lavava in lavatrice.

La mia maestra non mi ha mai picchiato, ma se non facevi il bravo te ne dava e come se te le dava. Pugni forti sulla schiena. Le ho ancora impresse quella scene. Avevo 8 anni.

Poi alle medie ricordo i miei prof: hai capito? È tutto chiaro? Problemi tuoi, apri il libro e studia.

Arrivarono gli anni del liceo. Lavagne piene di gesso e tutti fermi sul banco. Capii fin da subito che la mia strada sarebbe stata la fisica. In 5 anni mai nessun esperimento.
Tutto il sapere era contenuto in quel maledettissimo libro di testo. Facevi tutto alla lavagna. Se eri bravo andavi avanti, altrimenti bocciato. E poi quelle spiegazioni di 1 ora.

La vita era tutta lì : in quei libri di testo, in quei numeri. L'unico momento di pensiero critico era la risoluzione di qualche esercizio difficile e guai a sbagliare il risultato. Sempre 3 ti prendevi anche se il procedimento era giusto.

La mia unica ribellione erano le sigarette fumate di nascosto nei bagni della scuola…. Ma per qualche prof stavo perdendo la via retta. Per il resto mi volevano così : studioso, che imparasse a memoria qualche poesia e qualche formula da ripetere.

All'università qualche briciolo di speranza. Ma guai a studiare la storia degli scienziati, guai a mostrarti come eri dentro, guai a provare a fare qualcosa di diverso. Lezioni con decine di studenti, il fine sempre lo stesso: il buon voto e sapere sapere sapere.

Ho deciso di iniziare a fare l'insegnante per tutti i miei prof passati. Per non essere come loro. Perché io quella scuola, la scuola che ho vissuto, fondamentalmente non la vorrei per i miei figli. Non si parlava di pedagogia, non si sapeva nulla di ambienti di apprendimento, guai a parlare di sperimentazioni e didattica innovativa…

Un bravo prof era colui che sapeva, non importa se sapeva spiegare. Kant, Platone, equazioni di secondo grado, qualche regola grammaticale. La scuola era tutto qui….
E se provavi a ribellarti eri fuori…

Oggi parlo di scuola e cerco di migliorarla per tutti gli studenti, anche per coloro che non vogliono quella mia maestra che picchiava con pugni se sbagliavi una moltiplicazione o la prof di latino che ti metteva un tre per una declinazione di terzo grado che non mi è mai servita. Perché i miei prof potevano essere ben altro da quell'andare alla lavagna e spiegare (se andava bene, altrimenti erano fermi sulla cattedra).

Poi leggo di docenti che si lamentano di sedie con rotelle, di tablet come se fossero il demonio (che ipocrisia… Magari i loro figli sono persi dentro lo Smartphone di mamma e papà).

Perché anche se ho 42 anni, mi illudo ancora che il mondo sia cambiato in questi ultimi 30 anni…. E finalmente quel bambino che voleva fare esperimenti con lucertole o in giardino oggi troverà il modo di esprimersi, non soltanto passando ore ed ore dei propri pomeriggi a studiare per essere il migliore, per un 8 o un 9 o un 10.

Ed allora mi infiammo e rimango convinto: io questa benedetta scuola non la vorrei migliorata, neppure cambiata, la vorrei assolutamente trasformata.

se ti è piaciuto metti un like

Info su Alfonso DAmbrosio

Sono nato nel 1977. Laureato in Fisica con lode, mi occupo di robotica educativa, di ambienti immersivi, di serious games, di smartphone nella didattica delle scienze, di making lab. Insegno matematica e fisica in un liceo scientifico del Veneto. Ho oltre 100 articoli pubblicati su rivista e online. Sono stato nominato Docente innovatore italiano nel 2015 al Global Junior Challenge con premiazione in Campidoglio. Cofondatore del progetto Byoeg , a Scuola con i videogiochi, sono ideatore del format Officina Scuola e collaboro con il territorio con progetti che mirano ad integrare la tecnologia non solo nella didattica ma anche nelle relazioni quotidiane, spesso a favore dei soggetti socialmente più deboli, quali anziani e disabili. Collaboro , sezione ricerca e sviluppo, con la Fucina delle scienze, cooperativa di divulgazione scientifica e tecnologica. Sono formatore per DS, DSGA e Animatori Digitali relativamente alla formazione del PNSD. «Insegno perchè i miei alunni devono avere delle possibilità, possibilità di crescita, possibilità di sognare e realizzare un mondo migliore. Insegno perchè mi piace insegnare, a volte resto a Scuola per ore e dimentico che ore sono. Mi piace "perdermi" con i miei alunni, nel realizzare con loro progetti. Insegno perchè credo che un mondo migliore sia possibile»
Questa voce è stata pubblicata in Scuola e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


nove − = 5

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>