Archivi autore: Stefania Brambilla

Info su Stefania Brambilla

Stefania Brambilla insegna Lettere da sempre nei licei classici e scientifici della provincia di Monza e Brianza, dove è nata nel 1962. E da quasi sempre combatte contro una inguaribile forma di resistenza all’insegnamento, che pure non le ha inibito il desiderio di tornare a scuola ogni volta che ha cercato di allontanarsene con il cuore o con i piedi. Ultimo vano tentativo di fuga in ordine di tempo, è stata l’esperienza biennale presso USR Lombardia, dove ha ideato e organizzato numerosi progetti per le scuole di tutta la provincia di MB. Dal 2007 cura il blog “Viale Libertà”, oggi parzialmente sostituito dalla sua pagina Facebook. Nel 2010 ha pubblicato “Tu sei gialla” , presso la casa editrice Erickson di Trento. Ha un debito professionale dichiarato nei confronti della maestra Casartelli e della professoressa Gioia di Arcore, mentre il debito affettivo nei confronti di quelle meravigliose creature che vivono con lei, marito e figlia, è incredibilmente vitale e gioioso.

Cara Fedeli ti scrivo – 3 stare a scuola

non so a Lei, ma a me vengono i brividi quando penso che ogni sacrosanta mattina in ogni sacrosanto paese di questo Paese, negli ambienti convenzionalmente chiamati aula, bambini, giovani e adulti se ne stanno insieme a disegnare, contare e … Continua a leggere

Pubblicato in Costume, Cultura, Istituzioni, Scuola | Lascia un commento

Cara Fedeli ti scrivo – 2 La lotta di classe e i rapporti tra le persone

Caro Ministro dell’Istruzione, spero non le dispiaccia se le racconto una storia di lavoro, perché non si sa mai che magari aiuti. Dall’età della ragione ho imparato che papà faceva un lavoro impegnativo: era il capo del personale in un’azienda … Continua a leggere

Pubblicato in Corsivi, Costume, Scuola | Contrassegnato , | Lascia un commento

Cara Fedeli ti scrivo – 1 (il prosciutto crudo e l’insalata russa)

Caro Ministro dell’Istruzione, appartengo alla generazione che cominciava la scuola il primo di ottobre. Non varrebbe la pena di parlarne, se non per il fatto che il giorno precedente, un anonimo trenta settembre, era di impagabile e inebriante emozione. Nell’ultimo … Continua a leggere

Pubblicato in Costume, Cultura, Scuola | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento