il mio Dalai Lama

Le cronache dei giornali dei giorni scorsi, con i resoconti della visita del Dalai Lama a Milano, mi ha fatto ricordare un altro incontro con Sua Santita' avvenuto piu' di vent'anni fa a Delhi nel periodo indiano della mia vita.

In quegli anni era bello abitare e lavorare nella capitale indiana: al Lodhi Garden, nel vicino Khan Market o in qualche serata tra amici capitava di "incrociare" personaggi di spessore come Tiziano Terzani oppure rimanere affascinati dalle parole e dall'energia di quella straordinaria persona che fu Padre Lanfranco, missionario cappuccino arrivato in India alla fine degli anni '40, subito dopo l'indipendenza del Paese, a bordo di un mercantile che ai quei tempi faceva la rotta Brindisi-Bombay.

A portarmi a sentire il Dalai Lama, in un capannone alla periferia di Delhi, furono due cari amici: il compianto Gigi Noia, che a quei tempi lavorava all'Ambasciata d'Italia, e sua moglie Paola.

Fu un'esperienza incredibile e indimenticabile. Il Dalai Lama e' una persona che si esprime non solo con la parola ma anche con il corpo: sorridendo, grattandosi e muovendosi continuamente. Quel giorno, in un capannone pieno di pubblico locale, prese anche bonariamente di mira un piccolissimo gruppo di occidentali, tra cui noi tre, accovacciati in un angolo.

Ci disse tra l'altro delle cose che non dimentichero' mai:

  • che lui non capiva, anche se ovviamente ognuno e' libero di fare la sua scelta e ha il diritto di cambiare, gli occidentali che diventavano buddisti perche' convinto che si debba rimanere tendenzialmente fedeli alla religione delle proprie tradizioni;
  • che noi occidentali quando facciamo qualcosa, come aderire ad un nuovo credo, lo facciamo con troppa serieta', insomma ce la "tiriamo" troppo, sconfinando qualche volta nel fanatismo.

E a riprova di quanto affermava, sul fatto che non bisogna essere fanatici, cito' un episodio della sua vita. Disse piu' o meno: la mia religione mi suggerisce di essere vegetariano ma ogni tanto sento che il mio corpo ha bisogno di mangiare un poco di carne. E quando mi succede di sentire questa esigenza io la mangio.

COMMENTI

Info su Mario Pucci

Mario Pucci e' nato a Milano. Ha lavorato come giornalista collaborando a varie testate ed a emittenti radiofoniche. Dal 1989 al 1995 ha diretto un progetto, patrocinato da Regione Toscana e da Unione Europea, per lo sviluppo delle relazioni commerciali e industriali tra le piccole e medie imprese della Toscana e l'India. In quel periodo ha vissuto a Delhi viaggiando per tutto il Paese. Adesso si occupa delle Relazioni Internazionali di un' Associazione imprenditoriale nazionale aderente a Confindustria. Vive a Firenze.
Questa voce è stata pubblicata in Costume, Cultura, Religione e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


1 × = sei

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>