Un mese in Vietnam – di Roberto Ceriani – 16 i vietnamiti e la fotografia

La cosa bella di Saigon è che, a differenza di Hanoi, qui non ci sono i piccoli marciapiedi occupati completamente dalle moto in sosta che ti obbligano a camminare in mezzo alla strada percorsa dalle moto contromano. Qui i marciapiedi sono larghi e abbastanza liberi, quindi le moto possono sfrecciare a 30-40 km all’ora… sui marciapiedi!

Le 6 donne scatenate del post di ieri (si veda la seconda parte dell'articolo)  sono solo un episodio con al centro la fotografia, ma anche in tante altre situazioni qui si vede che la fotografia ha un’importanza rilevante nelle relazioni fra le persone. Il fatto per noi un po’ strano che spesso ci chiedono di fare una foto con loro è solo un esempio di questa realtà.

Continua a leggere

COMMENTI

Pubblicato in Costume, Esteri | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Un mese in Vietnam – di Roberto Ceriani – 15 China Beach un salto nel passato

Fa un gran caldo. Cammini sudato sotto un sole cocente con la maglia fradicia di sudore, come se fossi uscito vestito dalla doccia. Entri in un bar qualsiasi e, prima ancora di avere ordinato da bere, ti portano un piccolo asciugamano quadrato, grande quanto un fazzoletto, conservato a mollo in frigorifero nell’acqua fredda. È una super salviettina rinfrescante con cui ti lavi la faccia, il collo, le braccia. È un regalo che ogni volta sembra una sorpresa!

Succede così quasi ovunque. Non è una gentilezza: è un biglietto da visita con cui ti accolgono con un sorriso, prima ancora che tu possa parlare. Forse dovrebbero provarlo quei manager aziendali che parlano tanto di strategie Client Oriented.

Continua a leggere

COMMENTI

Pubblicato in Costume, Esteri, Storia | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Un mese in Vietnam – di Roberto Ceriani – 14 Hoi An e il sito archeologico di My Son

L’hotel di Hoi An è un po’ fuori dal centro. Ci danno gratis due biciclette: una con i freni a Scarpa, l’altra con i freni a Speranza!

La città vecchia è un piccolo gioiello risparmiato dai bombardamenti americani. Piccole costruzioni in legno e numerosi templi costeggiano piccole vie che non intimoriscono le centinaia di motociclisti i cui clacson fanno il possibile, e ci riescono bene, per superare il rumore dei motori…

Continua a leggere

COMMENTI

Pubblicato in Costume, Escursionismo, Religione, Storia | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Un mese in Vietnam – di Roberto Ceriani – 13 L’autobus notturno verso Ha Long e le fabbriche

Il bus notturno è fatto di sole cuccette; nessun posto a sedere. Costa poco, non ha sedili ma solo lettini a castello disposti lungo l’asse del pullman.

Sono una trentina abbondante di lettini un po’ stretti, ma su cui si riesce a dormire. C’è un W.C. interno, pulito, come in genere sono puliti tutti i servizi in Vietnam. Tanti bus notturni percorrono il Vietnam ogni notte, portando passeggeri addormentati da una città all’altra. I bus diurni invece sono normali autobus, un po’ più spartani di quelli europei, ma nel complesso funzionanti.

Continua a leggere

COMMENTI

Pubblicato in Costume, Escursionismo, Esteri, Storia | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Noterelle sull’Università e sulla mercificazione dilagante

Si fa un can can sui media circa lo sciopero di un certo numero di docenti universitari, che reclamano scatti stipendiali bloccati dal 2012. Azione probabilmente legittima nel merito, ma non esente da un sapore corporativo, salvo che per le fasce docenti più deboli.

Personalmente non aderisco allo sciopero.

Detto questo, però, e anche lasciando perdere le solite litanie sulle baronie e privilegi, a volte dovute a ignoranza o pura invidia sociale, vedo emergere una visione del sistema universitario dominata dai dogmi ideologici del neoliberismo dominante.

Continua a leggere

COMMENTI

Pubblicato in Cultura, Istituzioni, Scienza, Scuola | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento