Il PD al tappeto – di Giovanni Cominelli

Ogni pugile, quando va al tappeto, è inebetito. Così è oggi il PD. Senza linea politica e senza leader, lo sguardo tutto rivolto all’interno, costretto a inseguire l’agenda altrui e a fare una guerriglia puramente reattiva. Attorno al pugile groggy si affannano oggi antichi e nuovi coach. Mai come oggi il PD è apparso un partito eterodiretto da un gruppo di intellettuali-giornalisti-opinion maker: molti di costoro sono gli stessi che lo hanno spinto sull’orlo dell’estinzione, o attaccando ferocemente il leader di turno – in questo caso Renzi – o fornendo descrizioni improbabili del mondo là fuori.

Questo mondo giornalistico-intellettuale di sinistra, la cui icona resta pur sempre Eugenio Scalfari, è divenuto lungo gli anni il deposito di tutte le culture obsolete della storia della sinistra. Del resto a loro non servono elettori, bastano i lettori.

Continua a leggere

COMMENTI

Pubblicato in Istituzioni, Politica interna | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Meglio liberi – Alessandro di Battista – recensione

Non so se nella vita Alessandro di Battista sia così libero, ma in questa autobiografia per un figlio si è decisamente lasciato andare. Il libro l'ho iniziato per caso; per uno come me il tema 5 stelle è un tema poco accattivante (troppe urla, troppi slogan) ma già dalle prime pagine mi sono reso conto che si trattava di un libro interessante e piacevole.

Sul finire della scorsa legislatura dibba inizia ad accorgersi di essere un po' fuori posto, che quello che ha fatto è stato bello ma anche logorante e, tutto sommato, poco interessante rispetto allo spirito vitale che ti senti dentro. La politica al primo posto, ma non quella politica.

Continua a leggere

COMMENTI

Pubblicato in Autobiografia, Istituzioni, Recensioni | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Sergio Romano – In lode della guerra fredda (controstoria) – recensione

Presi come siamo dalla quotidianità, gli avvenimenti importanti ci passano sotto il naso, ci diciamo che domani approfondirò e poi ce ne dimentichiamo. Tra gli argomenti importanti c'è sicuramente il rapporto tra le potenze che contano, con tutti i singoli risvolti: i trattati, le trattative diplomatiche più o meno segrete, gli impegni assunti ma non rispettati, le piccole guerre.

Sergio Romano, per via dell'aver fatto l'ambasciatore italiano prima presso la NATO e poi a Mosca (dall'85 all'89), può essere considerato un esperto oltre che un testimone.

Il libro è piccolo, ma molto denso di informazioni e di contenuti ed è ben descritto dal titolo; tutto sommato la situazione è stata più tranquilla dalla fine della II guerra mondiale alla rivoluzione dell'89 perché gli arsenali nucleari e l'esistenza di due superpotenze in conflitto-competizione, facevano sì che ci si muovesse con cautela.

A questo proposito, nei primi capitoli, Romano ci racconta dello svolgimento di alcune crisi pesanti che furono risolte dal buon senso della deterrenza: la rivoluzione ungherese associata alla crisi di Suez, lo status di Vienna e di Berlino, la primavera di Praga e l'invasione della Cecoslovacchia, l'atto di Helsinky e i trattati sulla non proliferazione. Ma ancora: la guerra di Corea, la crisi di Cuba, il Vietnam, l'Afghanistan, la guerra dei missili (SS20). Si faceva la voce grossa ma poi alla fine si costruiva l'accordo e si andava avanti.

Continua a leggere

COMMENTI

Pubblicato in Esteri, Recensioni, Storia | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

Sognavamo cavalli selvaggi (Luca Visentini) – recensione

Ero alla ricerca di un documento del MS di Scienze pubblicato su un vecchio numero di Avanguardia Operaia mensile, uno dei primi, del 1969. Ho messo un appello sul gruppo (ultimamente un po' asfittico) di "via Vetere al 3" e Luca Visentini mi ha risposto dal Friuli dove si è trasferito: ce l'ho, te lo mando. La ripresa di contatto è avvenuta così.

La notizia della pubblicazione di Sognavamo cavalli selvaggi (un titolo che è un programma) l'avevo vista su Facebook; Ennio Abate ne aveva fatto una lunga recensione su Poliscritture correndandola di qualche brano particolarmente spinoso. L'avevo vista ed Ennio, dopo avermene inviato il link, me ne aveva anche chiesto conto: perché non ti esprimi?

Avevo letto solo i brani riportati da Ennio, per me, troppo intrisi di spensierato volontarismo, quelle cose che mi commuovono ogni volta che ne leggo, ma che poi mi inducono a chiedermi ma cosa stavamo facendo?,  e lo chiedo in primo luogo a me stesso. C'è da andarne fieri ? E non parlo dell'omicidio preterintenzionale di Ramelli, perché la risposta sarebbe ovvia. Mi riferisco alla pratica perseguita per anni di alzare il tiro per fare la rivoluzione.

Continua a leggere

COMMENTI

Pubblicato in Autobiografia, Recensioni, Storia | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

Milano 1968: l’ideologia prende il sopravvento (estate 1969)

Si tratta di un documento piuttosto lungo e largamente ideologico (con la scusa della metodologia); esso segna il passaggio del gruppo dirigente del Movimento di Scienze sotto le ali della neocostituita Avanguardia Operaia. Il documento viene pubblicato sul numero 3 della rivista mensile Avanguardia Operaia e sarà poi ampiamente ripreso nel secondo quaderno di Avanguardia Operaia "Lotta di classe nella scuola e Movimento Studentesco".

I gruppi rivoluzionari che avevano iniziato ad agire all'interno dei movimenti di massa dovevano demarcarsi l'uno rispetto all'altro e, nel caso di Avanguardia Operaia, si trattava di respingere il punto di vista degli spontaneisti che portavano gli studenti rivoluzionari all'incontro diretto con gli operai e quello del MS delle facoltà umanistiche che puntava al confronto paritario tra Movimento Operaio e Movimento Studentesco (si diceva allora senza porsi il problema del revisionismo).

Continua a leggere

COMMENTI

Pubblicato in Istituzioni, Scuola, Storia | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento