16 anni – di Giovanni Cominelli

se ti è piaciuto metti un like

Pare che se un leader politico, o aspirante tale, voglia darsi una postura di innovatore audace e coraggioso, proiettato verso il futuro luminoso, cui tutti noi aneliamo, giovani e anziani, sia obbligato a evocare il voto ai sedicenni. Lo fece Walter Veltroni nel 2007, in occasione delle primarie-gazebo del PD, lo imitò Matteo Salvini nel 2015, allorché propose una modifica costituzionale per consentire ai sedicenni l’accesso alle urne, lo seguì Beppe Grillo, che, demagogia per demagogia, abbassò l’età ai quattordicenni: “se possono guidare un ciclomotore, perché non possono votare?”. Secondo questa versione, pare che politica e motori siano un po’ la stessa cosa. Ultimo Enrico Letta, in occasione del suo insediamento al Nazareno. Lo hanno proposto anche intellellettuali serissimi quali Tito Boeri. In Norvegia, in Austria e in alcuni Länder della Germania il voto ai sedicenni è già riconosciuto.

In effetti, i ragazzi a 16 anni sono già cresciuti in età, sapienza – tutta da verificare – e grazia, al netto dei brufoli.

Continua a leggere

se ti è piaciuto metti un like
Pubblicato in Cultura, Politica interna | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Memorie di un rivoluzionario – di Victor Serge (1) recensione

se ti è piaciuto metti un like

Nell'ultimo mese ho dedicato qualche ora al giorno a questo libro: lettura, rilettura (con creazione di una versione epub con un indice elettronico decente e con le immagini dei protagonisti principali).

La autobiografia di Serge mi ha appassionato sin da subito per diverse ragioni; infatti racconta pezzi di storia del 900 da testimone attivo: i movimenti anarchici francesi di inizio novecento, la mancata rivoluzione di Barcellona dello stesso periodo, la rivoluzione bolscevica, la fondazione della III internazionale, i moti rivoluzionari promossi dalla III internazionale e falliti nella Europa degli anni 20, le degenerazioni all'interno del partito bolscevico e le battaglie della opposizione di sinistra, l'arresto e la deportazione al di là degli Urali, la espulsione verso la Francia grazie alla notorietà che gli aveva garantito la attività di scrittore, le ripercussioni della guerra di Spagna, la invasione nazista della Francia e la fuga verso Marsiglia, l'approdo al Messico.

Continua a leggere

se ti è piaciuto metti un like
Pubblicato in Comunismo, Cultura, Recensioni, Saggistica, Storia | Contrassegnato , , , , , , , , , | 1 commento

auto elettriche (?) 3 – di Lorenzo Baldi

se ti è piaciuto metti un like

Allora compro un’auto elettrica. Mettiamoci sul mercato, in cerca di un’auto elettrica (o elettrificata).

Mild e full-hybrid si possono considerare automobili a benzina che il recupero di energia rende altrettanto convenienti delle diesel (di più in ambiente urbano, meno in autostrada), senza lo spauracchio dei divieti di circolazione nelle aree metropolitane. Si tratta di una soluzione e breve termine che sta incontrando un certo successo di pubblico.

Le ibride plug-in hanno senso, soprattutto, su percorsi casa–lavoro di 30-40 km andata/ritorno, con la possibilità di ricaricare le batterie quotidianamente. In questo modo si comportano nella maggioranza dei casi come auto elettriche, consentendo occasionali viaggi a lungo raggio, affidati al motore termico. Sono oggetti complessi e, conseguentemente, piuttosto costosi e il loro prezzo di acquisto si giustifica quasi esclusivamente in presenza di incentivi statali. Per svolgere correttamente la loro missione, richiedono una ricarica domestica ed il loro impatto ambientale dipende fortemente dal tipo di percorsi e dalle modalità di guida.

Continua a leggere

se ti è piaciuto metti un like
Pubblicato in Economia e sindacato, Scienza e Tecnologia | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

auto elettriche (?) 2 – di Lorenzo Baldi

se ti è piaciuto metti un like

È impossibile affrontare il tema della mobilità sostenibile senza dare uno sguardo al complesso quadro delle normative, soprattutto europee. Le norme antinquinamento guidano, come abbiamo visto, da decenni l’evoluzione tecnica dei motori endotermici, introducendo crescenti costi industriali e di ricerca e sviluppo.

Ma ciò che più determina oggi le scelte strategiche delle case automobilistiche in Europa è il sistema di incentivi e sanzioni cui sono soggette a partire dal 2021: 95 € per ogni grammo di CO2 prodotto dalle auto vendute, oltre la soglia media di 95 gr/km di CO2 per tutta la gamma (soglia da ridursi a 75 gr/km nel 2025 e 50 gr/km nel 2030), con correzioni al ribasso per le auto più piccole e meno pesanti e incentivi per quelle che emettono meno di 50 gr/km.

Continua a leggere

se ti è piaciuto metti un like
Pubblicato in Economia e sindacato, Scienza e Tecnologia | Contrassegnato , , | Lascia un commento

auto elettriche (?) 1 – di Lorenzo Baldi

se ti è piaciuto metti un like

Quando un anglosassone parla di uno come me, lo definisce un “petrolhead”, in italiano testa di benzina. Sarà che sono nato a non grande distanza dallo stabilimento Fiat di Mirafiori, sarà che ho imparato a leggere Quattroruote quando frequentavo ancora l’asilo, la mania dei motori, a due e quattro ruote, non mi ha mai lasciato e ha consumato una parte dei miei risparmi.

Questo per dire che, per come sono fatto, la virata dell’industria automobilistica in direzione della propulsione elettrica, mi getta in uno stato di lutto, o, eventualmente, mi suggerisce una sorta di ribellismo à la Trump, ormai, per fortuna, un po’ démodé. All’idea dell’automobile come un giocattolo rotto, però, si affianca la constatazione di un percorso insieme tecnologico e umano che, se pensiamo al ruolo centrale dell’automobile nella cultura industriale, prepara un cambiamento di grandi proporzioni nella nostra società.

Continua a leggere

se ti è piaciuto metti un like
Pubblicato in Economia e sindacato, Scienza e Tecnologia | Contrassegnato , , , | Lascia un commento