Matematica – esame 2023 sessione suppletiva

Ho atteso i primi giorni di luglio per vedere il testo della prova suppletiva e, rispetto alla sessione ordinaria si possono fare le seguenti osservazioni.

I due problemi trattano di diverse questioni di analisi matematica e appaiono comparabili sul piano delle difficoltà e delle competenze richieste con un mix di teoria delle funzioni, studio dell'andamento, calcolo integrale dal punto di vista tecnico e dal punto di vista concettuale.

Nel questionario compaiono geometria razionale, calcolo delle probabilità, problemi di massimo e minimo, geometria analitica dello spazio, teoria delle funzioni, problematiche di calcolo integrale e d'uso del teorema di De L'Hospital che, una volta tanto, è ben posto. Compare anche un quesito (il 5) di livello più alto, perché poco standard, non banale e con conti abbastanza tosti che avrebbero potuto portare alla desistenza.

Complessivamente sono 12 cartelle in formato A4 abbastanza dense. Nel mondo della scuola, lo si dice da tempo, sarebbe necessario togliere di mezzo  il vincolo del 1 solo problema e 4 quesiti (tra gli 8 proposti), niente di più e niente di meno lasciando ai candidati più capaci scarse possibilità di dimostrare il loro valore.

Da Presidente di commissione, tanti anni facevo mettere a verbale la possibilità di premiare prove particolarmente meritevoli sul piano della originalità, del rigore e della capacità argomentativa. Si tratta di una questione spinosa perché le prove hanno dei punteggi massimi e spesso le commissioni finiscono per utilizzare la loro discrezione in sede di valutazione del colloquio.

A questo link trovate la correzione della sessione suppletiva e a quest'altro quello della sessione ordinaria.

I file stanno nella pagina della didattica dedicata ai compiti sia di matematica sia di fisica.

Mettendo mano alla stesura delle correzioni ho preso atto con rammarico che il padre dei programmi di matematica simbolica DERIVE è stato da tempo abbandonato dalla Texas e non gira su Windows 10 (quante cose ci ho fatto).

Ho dovuto fare di necessità virtù e mi sono misurato con Geogebra che incrocia (migliorandole) le caratteristiche di Cabri e quelle di Derive e con Mathematica (la summa) di cui conoscevo le primissime versioni. Direi che con Geogebra (gratuito) si può fare del gran lavoro sul piano della didattica.

 

 

Info su Claudio Cereda

nato a Villasanta (MB)il 8/10/1946 | Monza ITIS Hensemberger luglio 1965 diploma perito elettrotecnico | Milano - Università Studi luglio 1970 laurea in fisica | Sesto San Giovanni ITIS 1971 primo incarico di insegnamento | 1974/1976 Quotidiano dei Lavoratori | Roma - Ordine dei Giornalisti ottobre 1976 esame giornalista professionista | 1977-1987 docente matematica e fisica nei licei | 1982-1992 lavoro nel terziario avanzato (informatica per la P.A.) | 1992-2008 docente di matematica e fisica nei licei (classico e poi scientifico PNI) | Milano - USR 2004-2007 concorso a Dirigente Scolastico | Dal 2008 Dirigente Scolastico ITIS Hensemberger Monza | Dal 2011 Dirigente Scolastico ITS S. Bandini Siena | Dal 1° settembre 2012 in pensione | Da allora si occupa di ambiente e sentieristica a Monticiano e ... continua a scrivere
Questa voce è stata pubblicata in Scienza e Tecnologia, Scuola e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


× cinque = 30

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>