circolo vizioso

se ti è piaciuto metti un like

La politica è il perenne tentativo dei gruppi umani di ordinare il caos delle loro relazioni reciproche. Poiché le società sono diventate sempre più complesse e le relazioni tra gli individui sempre più cogenti e necessarie, ma anche più instabili e più fragili, la forma-partito è stata lo strumento progressivamente sempre più raffinato di ordinamento/mediazione delle passioni, interessi e valori, che sgorgano dagli individui e che si mischiamo a caso nella società civile. Se l’attuale forma-partito non è più in grado di costruire la mediazione politica, quale altra forma può farlo? Questa domanda dà per scontato che la mediazione politica sia tuttora necessaria. Invece, questa convinzione in questi anni è stata messa radicalmente in discussione.

Continua a leggere

se ti è piaciuto metti un like
Pubblicato in Cultura, Istituzioni | Contrassegnato , | Lascia un commento

#ben gli sta# – di Anto J. Mariani

se ti è piaciuto metti un like

Anche in questo caso verrebbe da dire #ben gli sta#.

Ma, questa espressione me la riservo per quando, come si spera, i suoi connazionali lo manderanno a casa senza passare dal “via”. Troppe ne ha combinate e ancor più ne combinerebbe, se rimanesse lì, alla Casa Bianca.

Basterebbe ricordare che il 26 febbraio di quest’anno, il peggior presidente che mai gli USA abbiano avuto si era pronunciato così: “Grazie a quel che abbiamo fatto, il rischio per il popolo americano è molto basso. Abbiamo 15 persone infettate e presto queste quindici scenderanno vicino allo zero”.

Continua a leggere

se ti è piaciuto metti un like
Pubblicato in Corsivi, Costume | Contrassegnato , , | Lascia un commento

#Rossana Rossanda#

se ti è piaciuto metti un like

Adesso che il clamore si è spento voglio ricordare qualcosa di questa grande intellettuale e dirigente comunista: il mio primo incontro è avvenuto attraverso le pagine di Rinascita che, come ho scritto molte volte, è stato lo strumento della mia formazione intellettuale e politica.

Era il settembre del 1967, stavo per compiere 21 anni e di lì a poco, in Bolivia avrebbero ammazzato Che Guevara. Rossana Rossanda (responsabile culturale del PCI), di ritorno da Cuba, dove era stata invitata insieme a molti intellettuali europei, pubblicò un resoconto in tre puntate dell'essere vissuta a contatto con Fidel per diversi giorni e aver avuto modo di conoscerlo sul piano umano, intellettuale, emotivo.

Continua a leggere

se ti è piaciuto metti un like
Pubblicato in Cultura | Contrassegnato , , | Lascia un commento

peronismo – di Giovanni Cominelli

se ti è piaciuto metti un like

I  risultati del referendum costituzionale documentano in modo netto, sia per la proporzione dei votanti tra il SI’ e il NO sia per la massa dei non-votanti, che la maggioranza degli italiani odia la politica, così come è configurata nella forma-partito. Ha votato il 53,52%; il  46,48% si è astenuto, per indifferenza, per odio, per sfiducia totale? Dei votanti, circa il 70% dei votanti ha detto SÍ, circa il 30% ha detto NO.

Servirebbero calcoli più raffinati, ma è evidente che gran parte del SÍ, eccetto una sua piccola componente “riformista”, ha votato per odio della ”casta” politico-partitica. Che gli elettori abbiano votato per le riforme è solo una patetica autoillusione. Le tappe del disamore verso la politica e le sue cause sono state raccontate da molti più volte.

Continua a leggere

se ti è piaciuto metti un like
Pubblicato in Cultura, Istituzioni, Politica interna | Contrassegnato , | 1 commento

La democrazia malata e il SI’ come placebo – di Giovanni Cominelli

se ti è piaciuto metti un like

E’quanto meno dubbio che, se la democrazia italiana è malata, la vittoria eventuale del SI possa costituire la prima tappa della sua guarigione. Come già fatto notare su queste pagine e da molti altri su altre pagine, le riforme di un sistema complesso non si possono fare tutte in un solo giorno; vanno anch’esse per tappe… Ma si deve anche sapere dove si trova il traguardo. Il “SÌ riformista” dispone soltanto di un meta-traguardo. Spera, cioè, che compiuta la prima tappa – quella della riduzione del numero dei parlamentari – fatalmente si debba procedere o, comunque sia più facile farlo, verso una seconda tappa. Ma qui è facile obbiettare che ci troviamo in pieno pensiero desiderante con il quale né si fanno riforme né si stabiliscono traguardi. Quanto all’intero schieramento del SÌ, ha almeno due traguardi reciprocamente contraddittori: riformista e populista. Il NO, a sua volta variegato, ha una piattaforma più semplice: intende conservare l’attuale struttura della rappresentanza. Chi vota NO, lo fa perché la riforma proposta gli appare o inutile o dannosa.

Continua a leggere

se ti è piaciuto metti un like
Pubblicato in Istituzioni, Politica interna | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento