A me Giorgia Meloni non fa paura – di Roberto Ceriani

A me Giorgia Meloni non fa paura. Ho più paura di chi, per legittimare sé stesso, la addita come "neofascista che vorrebbe far tornare l'Italia tornare al Ventennio". Ho più paura dell'incompetenza dei Cinquestelle del 2018 (i sopravvissuti di oggi sono un po' meno peggio).Ho più paura del populismo di Salvini (però apprezzo le capacità gestionali di alcuni suoi Colonnelli regionali).Ho più paura di chi parla di "una Destra capace di guardare solo indietro nel tempo", mentre comincio a pensare che in parte i ruoli si stiano invertendo.

Oggi anche in Italia stanno crescendo embrioni di una Destra moderna ed europea, mentre restano al palo varie frange di una Sinistra "capace di guardare solo indietro nel tempo".

Continua a leggere

Pubblicato in Cultura, Istituzioni, Politica interna | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

hanno vinto gli anti-Draghi

Situazione paradossale, la vittoria degli antiDraghi: Giorgia Meloni porta a casa il risultato atteso e Giuseppe Conte stravince al Sud in nome dell'assistenzialismo tradizionale. Mi preoccupa di più il secondo risultato (inatteso con queste percentuali) rispetto al primo per il quale mi aspetto che non ci saranno bizzarrie.

La forza in cui speravo (Azione&ItaliaViva) ottiene un risultato positivo che le consente di incardinare la costruzione di una nuova forza politica, ma non ottiene, seppur di poco, il risultato a due cifre. Il terzo polo sono i 5 stelle di Conte e dietro di essi si collocano (tra loro vicini in termini di consensi, ma non di seggi) la Lega di Salvini, Forza Italia di Berlusconi e quella che dovrebbe diventare RenewEurope. La possibilità di rimettere Draghi alla Presidenza del Consiglio non scatta.

Continua a leggere

Pubblicato in Istituzioni, Politica interna | Contrassegnato | Lascia un commento

Il PD e la cosa nuova sul suo fianco destro

L'articolo in cui analizzavo la situazione prima delle elezioni ed esponevo la mia decisione di votare terzo polo ha suscitato qualche replica sia favorevole sia contraria tra i miei amici di area riformista. Qualche replica è doverosa.

La prima ha a che fare con la dinamica dei fatti che hanno portato alla alleanza Renzi-Calenda. Come è noto, prima di incontrare Calenda, Letta aveva ripetutamente affermato che con Renzi si perdevano voti e che dunque non sarebbe stato coinvolto.

Posizione legittima anche se contraddittoria rispetto a quanto fatto da Letta per farsi eleggere alla Camera solo qualche mese prima qui a Siena. Allora Letta chiese esplicitamente i voti di Italia Viva (che a Siena, per via di Scaramelli, è parecchio forte) perché senza Italia Viva e senza il messaggio unitario che ha portato in regione Toscana alla elezione di Giani avrebbe rischiato un flop.

Continua a leggere

Pubblicato in Istituzioni, Politica interna | Contrassegnato | 4 commenti

Elezioni 2022

In questi mesi mi sono limitato ad osservare le cose e ad esprimere qualche opinione su Facebook ma credo che sia onesto scrivere qui, a futura memoria, come la penso.

Non credo che ci troviamo alle soglie del fascismo e non credo che dal punto di vista delle sorti del nostro sistema democratico la probabile vittoria numerica del centro destra costituisca un dramma per la nostra democrazia.

Penso che sia opportuno che tale vittoria non avvenga con un numero di eletti superiore ai 2/3 anche se non dò per scontato che ciò significhi una legislatura che determini uno stravolgimento, senza ascolto e recepimento di punti di vista di mediazione, della Costituzione Repubblicana.

Continua a leggere

Pubblicato in Istituzioni, Politica interna | Contrassegnato | 3 commenti

Monza 13 marzo 2022 – primarie per il Sindaco

Tra un paio di settimane si tengono a Monza le primarie per la scelta del candidato sindaco di centro sinistra e come capita quando lo schieramento progressista non fa sciocchezze sono state messe tutte le premesse per tornare alla guida della città.

La terza città della Lombardia, e tutta la Brianza monzese, ormai da qualche decennio sono diventate citta contendibili in cui si alternano amministrazioni di centro destra ad amministrazioni di centro sinistra.

L'unità e la partecipazione non sono slogan e lo possiamo vedere da alcuni elementi che vale la pena di sottolineare.

Continua a leggere

Pubblicato in Enti locali | Contrassegnato , , , | Lascia un commento