Monticiano la campagna elettorale è partita

Le liste sono tre perché si presenta (pur senza candidati locali) anche il Partito Comunista (quello di Rizzo) con il vecchio simbolo del PCI (bandiera rossa con falce e martello sovrapposta al tricolore) e che punta a raccogliere un consenso di nostalgia.

Monticiano Il rinnovamento continua eredita e sviluppa l'esperienza della amministrazione di Maurizio Colozza con alcuni cambiamenti di struttura, simbolo e persone.

Non si ripresentano l'ex capogruppo Mircko Giorgini e l'assessore Lucia Ganozzi formalmente per una impuntatura sulla candidatura a Sindaco di Alessio Serragli. C'è stata una consultazione nell'area vasta di appoggio alla vecchia lista Uniti per il Rinnovamento che, quasi alla unanimità, ha scelto Serragli come naturale elemento di continuità ed elemento più rappresentativo e capace.

Continua a leggere

Pubblicato in Enti locali, Istituzioni | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Gabriele della Pirelli – di Cesare Cerea

Ho saputo della morte di Gabriele Malpezzi da un post di Gianni Bombaci, un vecchio amico della CGIL, ormai queste notizie corrono così, anche questo segna la distanza del mondo in cui con Gabriele abbiamo cominciato a fare politica tanti anni fa nel Cub. della Pirelli.

Lui impiegato, io giovane studente universitario, allora usava così, si cercava una pratica militante con quella, che tra qualche mitologia e processi reali , vedevamo come il fulcro dei processi sociali, la classe operaia e la grande fabbrica.

Una storia interessante quella dei Cub, un serio esperimento democratico e di nuova pratica sindacale, con radici profonde a Milano, che credo molto abbia aiutato anche il sindacato a innovarsi, processi e meriti purtroppo poco ricordati e poco studiati.

Continua a leggere

Pubblicato in Autobiografia, Storia | Contrassegnato , , , , | 2 commenti

Gino Strada prima di Emergency (personale) – di Tiziano Marelli

Adesso che ho quasi del tutto metabolizzato la scomparsa di Gino Strada posso scrivere il ricordo che ho di lui. Ed è diverso da quello di tanti altri perché parte da molto lontano, da ben prima che lui diventasse il personaggio straordinario che tutti abbiamo avuto modo di ammirare e compiangere.

Era l'inizio degli anni 80 e ci conoscemmo quando la mia compagna di allora entrò a far parte dell'equipe del Pronto Soccorso del Policlinico di Milano, un'eccellenza allora universalmente riconosciuta che aveva nella figura di un chirurgo d'assoluta unicità come il professor Vittorio Staudacher un baluardo solidissimo.

Continua a leggere

Pubblicato in Racconti, Storia | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

qualche suggerimento per le liste di Monticiano

Amministrare è una cosa tremendamente complicata e ci sono sempre mille vincoli di cui tener conto (i soldi, gli interessi in gioco, le norme, …) e spesso si rimane schiacciati da essi rischiando di dimenticare cose importanti o qualificanti. Mi permetto dunque di mettere in fila alcuni problemi che giacciono irrisolti o parzialmente irrisolti e che mi stanno particolarmente a cuore.

Petriolo

Anche se dista dal capoluogo quasi 25 km e il centro abitato più vicino è Iesa che ne dista 8, Petriolo è a pieno titolo uno dei problemi e delle possibili risorse per il nostro turismo. Italia Nostra e Unipol si occuperanno delle parti in cui sono direttamente coinvolti (l'area archeologica e le ex terme pubbliche) ma ci sono cose che riguardano direttamente il Comune:

Continua a leggere

Pubblicato in Enti locali | Contrassegnato , , , , , , , | 1 commento

Gino Strada (personale) – di Giovanni Cominelli

Ora che Gino Strada è uscito dalla cronaca, accompagnato dal flusso della Cloaca maxima dei social-media, nella quale si sono mischiati esaltazione, nostalgie, odi, insulti volgari e fake news, ne posso scrivere con la mente più distaccata.

Distacco doloroso, perché per tutti gli anni ’70 le nostre strade personali si sono intrecciate. E’, per fare solo un esempio, nel ’72 che abbiamo scritto insieme un minuscolo pamphlet contro Comunione e Liberazione – Ed. Movimento studentesco, rigorosamente non firmato, come prevedeva la morale rivoluzionaria dell’epoca – il cui titolo, che ricordo vagamente, alludeva al carattere reazionario di quel Movimento, che veniva dato al servizio del Vaticano e della DC.

Continua a leggere

Pubblicato in Cultura, Storia | Contrassegnato , , | Lascia un commento