fanatismo

se ti è piaciuto metti un like

Non credo che, di fronte a quello che sta succedendo dalla Tunisia all'Afghanistan, si debba assumere un atteggiamento all'insegna della blandizie. Chi si fa scudo di un film di serie Z per inscenare manifestazioni violente, omicidi e inviti alla guerra santa merita solo di essere compatito, combattuto e ridotto all'impotenza (almeno fino a quando utilizza metodi e indicazioni violente).

Detto ciò mi ha favorevolmente impressionato l'intervista di papa Ratzinger ai giornalisti che lo seguivano nel viaggio in Libano.

«Il fondamentalismo è sempre una falsificazione della religione, è contro l’essenza della religione che vuole riconciliare e creare la pace di Dio nel mondo. E dunque il compito della Chiesa e delle religioni è: purificarsi. Una auto-purificazione delle religioni da queste tentazioni è sempre necessaria. Ed è nostro compito illuminare, purificare le coscienze, rendere chiaro che ogni uomo è un’immagine di Dio e noi dobbiamo rispettare nell’altro non solo la sua alterità ma nell’alterità l’essenza comune, d’essere un’immagine di Dio, dobbiamo trattare l’altro come immagine di Dio. Dunque il messaggio fondamentale della religione è d’essere contro la violenza che è una falsificazione, come il fondamentalismo. Deve essere per l’educazione e l’illuminazione e la purificazione delle coscienze, per renderle tolleranti, capaci di dialogo, riconciliazione e pace».

In particolare trovo importante che nei confronti del diverso, l'altro, si dica non solo che bisogna rispettarlo non tanto o non solo perché è politicamente corretto farlo, ma si affermi che nella alterità si realizza una immagine di Dio. Per la Chiesa Cattolica mi pare un passo in avanti decisamente grande che dà grande credibilità alle battaglie sui diritti umani. A me pare che l'Islam, non solo gli estremisti islamici, sia molto lontano da questi livelli. Sono un laico e amo la storia: diciamo che la storia non fa salti e che siamo indietro di alcuni secoli.

 

se ti è piaciuto metti un like

Info su Claudio Cereda

nato a Villasanta (MB)il 8/10/1946 | Monza ITIS Hensemberger luglio 1965 diploma perito elettrotecnico | Milano - Università Studi luglio 1970 laurea in fisica | Sesto San Giovanni ITIS 1971 primo incarico di insegnamento | 1974/1976 Quotidiano dei Lavoratori | Roma - Ordine dei Giornalisti ottobre 1976 esame giornalista professionista | 1977-1987 docente matematica e fisica nei licei | 1982-1992 lavoro nel terziario avanzato (informatica per la P.A.) | 1992-2008 docente di matematica e fisica nei licei (classico e poi scientifico PNI) | Milano - USR 2004-2007 concorso a Dirigente Scolastico | Dal 2008 Dirigente Scolastico ITIS Hensemberger Monza | Dal 2011 Dirigente Scolastico ITS S. Bandini Siena | Dal 1° settembre 2012 in pensione | Da allora si occupa di ambiente e sentieristica a Monticiano e ... continua a scrivere
Questa voce è stata pubblicata in Esteri, Religione, Storia e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


1 − = null

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>