bon ton: ti spacco la faccia, fate solo cagate, sei licenziata

se ti è piaciuto metti un like

Leggo dal sito del Corriere: Scenataccia di Roberto Formigoni, dietro le quinte del programma pomeridiano de La7, in onda poi oggi, venerdì, alle 14. La trasmissione di solito va in diretta, ma occasionalmente è stata registrata in mattinata, proprio per impegni del governatore della Lombardia. Terminata l'intervista con Cristina Parodi e i giornalisti della sua squadra, Formigoni è uscito furente dallo studio. E – davanti almeno a una decina di persone – si é rivolto alla sua addetta stampa, Gaia Carretta, gridando: «Tu adesso stai qui e spacchi la faccia a Cristina Parodi e a questa banda e a questi giornalisti!» Rivolto poi ad un'autrice del programma, Francesca Filiasi, ha aggiunto: «Avete fatto solo cagate!». Ancora rivolto alla sua addetta stampa: «E se non lo fai, sei licenziata!».

Un vero signore, se non fosse per quella erre moscia. Ho guardato la trasmissione della Parodi, che di solito mi fa venire le bolle, perché c'era lui, mentre lavavo i piatti. Dopo di lui c'è stata Katia Ricciarelli che ha negato di avere visto scenate dietro le quinte, ma le frasi virgolettate mi paiono troppo dettagliate per essere inventate.

Prima di leggere la notizia mi avevano comunque colpito alcune cose:

  1. Sulla questione delle firme false per la sua candidatura, si è chiamato fuori. Quella è una questione di cui si occupano i partiti. Ah beh, sì beh …
  2. Sulla candidatura della Minetti nel listino ha detto che la composizione del listino è una cosa che riguarda i partiti e di cui il candidato presidente prende atto il che è, come minimo falso, visto che il listino che si chiama "listino del presidente" dovrebbe contenere i nomi di possibili candidati tecnici alle cariche assessorili e, nelle intenzioni che lo generarono, era proprio una lista di nomi proposti dal presidente. Ricordo una sua dichiarazione sulla Minetti secondo cui era stato don Verzé a dargli tutte le garanzie. Ah beh, sì beh …
  3. Sulla questione delle vacanze, dopo aver detto che, avendo 65 anni, di vacanze ne ha fatte almeno una sessantina e che invece i giornalisti sono ossessionati solo da due di esse, alla domanda su dove andrà in vacanza questa estate ha detto che non ne ha la minima idea perché decide sempre all'ultimo minuto e anche questo stride con la tesi secondo cui le famose vacanze incriminate erano di gruppo e a costi condivisi. Le vacanze di gruppo, per definizione non si organizzano all'ultimo minuto. Ah beh, sì beh … dai dai cunta su.

Alla trasmissione partecipavano alcuni giornalisti stranieri ed è stato il loro non accontentarsi di risposte banali alle questioni che lo riguardano ad averlo fatto andare su tutte le furie. Un consiglio ai miei affezzionati lettori. Digitate Formigoni con il pulsante Cerca; ne vedrete delle belle.

 

se ti è piaciuto metti un like

Info su Claudio Cereda

nato a Villasanta (MB)il 8/10/1946 | Monza ITIS Hensemberger luglio 1965 diploma perito elettrotecnico | Milano - Università Studi luglio 1970 laurea in fisica | Sesto San Giovanni ITIS 1971 primo incarico di insegnamento | 1974/1976 Quotidiano dei Lavoratori | Roma - Ordine dei Giornalisti ottobre 1976 esame giornalista professionista | 1977-1987 docente matematica e fisica nei licei | 1982-1992 lavoro nel terziario avanzato (informatica per la P.A.) | 1992-2008 docente di matematica e fisica nei licei (classico e poi scientifico PNI) | Milano - USR 2004-2007 concorso a Dirigente Scolastico | Dal 2008 Dirigente Scolastico ITIS Hensemberger Monza | Dal 2011 Dirigente Scolastico ITS S. Bandini Siena | Dal 1° settembre 2012 in pensione | Da allora si occupa di ambiente e sentieristica a Monticiano e ... continua a scrivere
Questa voce è stata pubblicata in Corsivi, Enti locali e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a bon ton: ti spacco la faccia, fate solo cagate, sei licenziata

  1. Claudio Cereda scrive:

    Prime reazioni:
    «Formigoni? Non ho paura che mi spacchi la faccia, credo fosse un modo di dire, ma è una cosa che mi ha colpito. Si è comportato da cafone». Così Cristina Parodi, conduttrice di «Cristina Parodi live» su La7, commenta a «La zanzara» su Radio 24 quanto accaduto dopo la puntata di venerdì (Formigoni ha detto alla sua addetta stampa: «Vai a spaccare la faccia alla Parodi o ti licenzio»). «Mi aspetto ? dice ancora la Parodi – una telefonata di scuse in privato. Sarebbe una cosa gradita, mi farebbe piacere. Lo inviterei di nuovo, anche se è un soggetto difficile da gestire ma non credo che verrà più».

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


otto − 1 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>