la politica, quella con la P – di Giovanni Cominelli

Poiché nell’assetto previsto dalla nostra Costituzione formale e praticato da quella materiale i movimenti del governo sono causati da quelli dei partiti, nessuna meraviglia che siamo tutti costretti ad auscultare quotidianamente le convulsioni peristaltiche di questi ultimi.

La politica, in questa condizione, si è ridotta, da governo del Paese a dinamica dei partiti, caratterizzata da una fibrillazione agonica permanente. Opinione pubblica, mass-media, dirigenti e funzionari di partito, ministri e viceministri e cittadini non riescono a pensarla e viverla in modo diverso.

Ogni ministro o vice-ministro che intervenga in TV a vantare l’importanza di un provvedimento, non manca quasi mai di sottolineare che è al suo partito che si deve gratitudine. Lamentarsi che la funzione di governo sia sempre contestata e traballante è persino patetico, visto che essa è strutturalmente mediata dalla funzione-partito.

Se l’esercizio della funzione di governo del Paese e i pensieri, teorie, previsioni relativi agli scenari di governo sono opachi, nervosi e imprevedibili, ciò si deve al fatto che non il governo, ma il partito è protagonista della politica.

I partiti di governo

Da qui discende l’importanza di un’attenta ricognizione fenomenologica della condizione dei partiti in questo inizio d’estate 2020 per tentare di prevedere i minacciosi scenari d’autunno.

Il M5S è entrato nella curva del declino. In realtà il populismo assistenziale non è affatto in declino, essendo una costante della società italiana. E’ stato sempre rappresentato, coperto e nobilitato all’interno dei grandi partiti di massa, fin dall’inizio della Repubblica. Il M5S vi ha aggiunto varie superfetazioni ideologiche (nuovi concepimenti): la voglia di giustizia/vendetta, nella quale il risentimento sociale si colora di universalismo giuridico; la democrazia diretta dell’incompetenza e dell’ignoranza crassa; il millenarismo plebeo.

Tutto ciò, sullo sfondo della crisi 2008-2011 e del fallimento di governo del vecchio sistema dei partiti, ha gonfiato Il M5S. In meno di due legislature questo instabile composto chimico si è disfatto nei suoi elementi, che non sono scomparsi, sono migrati altrove. Il precipitato solido, il nocciolo duro resta la domanda assistenzialista, la cui rappresentanza il M5S pare riesca a mantenere, per ora, attorno al 20% dei sondaggi. L’imperizia nel governare di tutti i suoi ministri ha spinto verso la Lega e verso Fratelli d’Italia una parte dei consensi.

Il PD è, a sua volta, diventato un mix, ancora formalmente collocato a sinistra, ma tale che le sue opzioni ideologiche sono ormai condivise da altri pezzi dello schieramento politico. Assistenzialismo, giustizialismo e demagogia populista sono il fondamento condiviso dell’alleanza non occasionale con il M5S. Dalla politica dell’istruzione in tempo di Covid-19 e all’ultimissima presa di posizione sulle decisioni della Commissione tecnica del Senato circa i vitalizi pregressi, Pd e M5S sono sostanzialmente indistinguibili.

La descrizione della composizione interna delle correnti PD richiederebbe, per completezza, la segnalazione di una sinistra riformista di governo. Ma dopo la sfortunata e fallimentare fuoriuscita di Renzi, questa sinistra si è collocata in una sorta di nicodemismo di governo, che tenta timidamente di praticare un riformismo notturno ad intermittenza.

La sua parola d’ordine è il “larvatus prodeo” di Cartesio: “procedo mascherato”, al punto che “Base riformista” è diventata silenziosa e irriconoscibile. Ha ormai cessato di essere il punto di riferimento del riformismo di sinistra che continua ostinatamente a serpeggiare nella società civile.

Chi si attendeva dal PD una preoccupazione fondamentale per lo sviluppo delle forze produttive – come autorizzerebbero a far pensare le sue origini dal Movimento operaio e dal marxismo storico – si deve oggi rassegnare. Il PD non solo si è grillizzato, ma si è anche doroteizzato, alla democristiana. Non ha più un asse culturale identificabile. Non ama il governo, ama appassionatamente il potere. Governare vuol dire fare scelte e perciò rischiare; praticare la microfisica del potere è più comodo e più redditizio dal punto di vista del consenso necessario per la rielezione.

I partiti di opposizione

Quanto all’opposizione al governo, si presenta plurale e confusa. La Lega di Salvini ha mischiato populismo assistenziale, antistatalismo fiscale, autonomie anarchiche, raccolti sotto un nazionalismo antieuropeo che il Covid-19 ha messo in un angolo.

Le resta una risorsa non facilmente scalfibile: il rancore d’autunno, che sta accumulandosi sotto i vapori caldi dell’estate e che le inadempienze del governo stanno gonfiando. Non senza contraddizioni, perché l’assistenzialismo non si pratica allo stesso modo al Nord e al Sud. Questo equivoco si è ormai sciolto.

Le pulsioni assistenzialiste al Sud hanno trovato in Fratelli d’Italia uno sponsor più tradizionale e più affidabile della Lega ex-Nord. D’altronde la riscoperta dello Stato nazionale, al Sud, significa esattamente questo: flusso di denaro assistenziale, dilatazione dell’impiego pubblico, moltiplicazione degli insegnanti, via Covid-19. Al Nord non si possono alimentare le stesse rivendicazioni. Ritorna fuori la vecchia anima “sociale” di Alleanza nazionale, che a sua volta ha ereditato l’assistenzialismo laurino e democristiano. Quanto a Forza Italia, il fallimento del governo liberale risale al 2001-2006. Da allora Berlusconi ha galleggiato tra sovranismo leggero e europeismo tiepido, finché il suo liberalismo esangue si è ridotto all’osso, spolpato dal M5S, dalla Lega e da Fratelli d’Italia.

Renzi, Calenda, Bonino, Bentivogli…

Ai margini si agitano Renzi, Calenda, Bonino, Bentivogli, che fanno circolare umori, idee e velleità di riformismo di governo. La loro somma non supera, almeno nei sondaggi, il 10%. Riflettono la presenza di minoranze liberali della società civile, di cui quella di Carlo Bonomi di Confindustria appare la più esigente, dopo gli anni della Confindustria meridionalizzata e filo-grillina di Giancarlo Coccia.

Minoranze liberali: unite dall’idea che solo lo sviluppo delle forze produttive umane è condizione di libertà, di giustizia e di eguaglianza; che solo in uno Stato di autonomie forti e responsabili, nel quadro dell’Unione europea, tutto ciò sia più facilmente realizzabile; che i poteri della Magistratura vadano ricondotti nei confini della normalità liberale e costituzionale.

In ogni caso, questo è il quadro che sconsolatamente si presenta del Paese legale e del Paese reale, che scivola lentamente lungo l’asse del declino di civiltà, che il Covid ha ulteriormente accorciato. C’è scampo?

Una prima contingente risposta di speranza potrebbe arrivare da un’unificazione di uomini e forze, che attualmente sono prigionieri delle proprie storie o peggio del proprio narcisismo. Non si tratta certo di una patologia psichica, quanto del riflesso passivo di istituzioni che privilegiano la dimensione-partito rispetto a quella del governo e di leggi che favoriscono la frammentazione proporzionale e premiano la scomposizione individualistica.

Alla fine, sono le istituzioni che selezionano gli uomini, i politici e i cittadini. Decenni di istituzioni di governo deboli hanno selezionato una politica a frammenti e una cittadinanza corporativa. Eppure, ciò che resta decisiva è la coscienza dell’insopportabilità ulteriore di questa condizione. Di lì si può partire per costruire una proposta coraggiosa e coerente di un Paese diverso.

La storia dell’opinione pubblica ed elettorale dell’ultimo decennio autorizza a pensare che laddove si presenti un programma coraggioso e controcorrente, esso può conquistare la scena. Dal Berlusconi del 1994, al M5S del 2013, al PD delle elezioni europee 2014, alla Lega delle elezioni europee 2019, a Fratelli d’Italia degli attuali sondaggi, la storia del consenso è storia di montagne russe, che si possono salire e discendere precipitosamente. L’ottimismo della volontà è essenziale, solo se sorretto dall’intelligenza della ragione applicata.

Info su Giovanni Cominelli

Giovanni Cominelli, iscritto a Filosofia all’Università Cattolica di Milano dal 1963 al 1965, alla Frei Universität nel 1965/66, laureato in filosofia con Enzo Paci all’Università statale di Milano nel marzo del 1968. Negli anni ’70 é stato membro della Segreteria nazionale del Movimento studentesco/Movimento lavoratori per il Socialismo. Eletto nel 1980 in Consiglio comunale a Milano per l’MLS-PDUP nel 1980, nel 1981 è subentrato come Consigliere regionale a Luciana Castellina, fino al 1990. Nel novembre del 1982 è entrato nel PCI, su posizioni riformiste e miglioriste. E’ uscito dal PCI-PDS nel 2000, aderendo ai Radicali fino al 2004. Iscritto al PD dal 2015. Esperto di politiche scolastiche, dal 1985 al 2000 responsabile scuola del Pci-Pds-Ds in Lombardia e membro della Commissione nazionale scuola. Membro del Gruppo di lavoro per la Valutazione, istituito nel 2001 dal ministro Moratti, fino al 2004. Dal 2002 al 2004 membro del Comitato tecnico scientifico dell’Invalsi, poi consulente per la comunicazione fino al 2005. Dal 2003 al 2005 ha organizzato la manifestazione Job&Orienta della Fiera di Verona dedicata all’istruzione. Membro del Cda dell’Indire dal 2005 al 2006, è stato responsabile delle politiche educative della Compagnia delle Opere dal 2005 al 2007 e della Fondazione per la Sussidiarietà fino al luglio 2010. Ricercatore presso il Cisem nel 2010. Svolge attività di formazione nelle scuole. Collabora alla Rivista mensile Nuova secondaria. Ha scritto di politiche educative su Il Riformista, Tempi, Il Foglio, Avvenire, Il Sole 24 Ore e i libri La caduta del vento leggero (2007) e La scuola è finita… forse (2009). Oggi editorialista de L’ECO DI BERGAMO e di santalessandro.org, settimanale della Diocesi di Bergamo. Scrive sul Sussidiario.
Questa voce è stata pubblicata in Cultura, Politica interna e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a la politica, quella con la P – di Giovanni Cominelli

  1. Claudio Cereda scrive:

    Ho smesso di scrivere di politica perché, da qualunque parte la guardi non vedo vie d'uscita. I problemi riguardanti la necessità di una svolta profonda nelle istituzioni erano già ben chiari nel momento in cui ci siamo andati più vicini, ai tempi del progetto di riforma del governo Renzi.
    Qualunque progetto di riforma della II parte della Costituzione, se vuole avere qualche speranza di successo, non può che venire da una intesa molto ampia di tipo preventivo almeno sulla necessità di cambiare. E io non ce la vedo.
    La identificazione tra scelte di governo e golden share partitica di cui parla Cominelli è nelle cose di questa maggioranza di governo con i due maggiori partiti che convergono su molte cose ma devono contemporaneamente competere perché nessuno dei due si decide a dire seriamente come si pone nei confronti dell'altro.
    I renziani sono dentro con la pretesa di fare i consiglieri del Principe (voi non capite nulla, ma cosa bisogna fare ve lo spieghiamo noi). E il mondo progressista sembra unificarsi su un solo tema: bisogna sopravvivere perché il Presidente della Repubblica bisogna che lo eleggiamo noi.
    Posso dire che: la vedo male?

Replica al commento si Claudio Cereda Cancella la replica

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


6 − quattro =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>