Calendario scolastico Lombardia: la legalità, finalmente

Effetto Colosio? Giuseppe Colosio, da due anni dirige l'Ufficio Scolastico della Lombardia ed è persona concreta ed innovativa. La scuola lombarda funziona bene ed ha iniziato una serie di processi innovativi (dalla gestione dell'anagrafe regionale degli alunni ai percorsi di sperimentazione dellaformazione professionale triennale negli istiututi tecnici e professionali) che lo hanno visto protagonista attivo.

Regione Lombardia ha predisposto il calendario 2011/2012 e la si fa finita con le manfrine degli anni scorsi per cui la Regione faceva il calendario prevedendo sino a 215 giorni di lezione contro la soglia minima nazionale di 198 giorni e poi i Collegi Docenti lo riempivano di ponti e vacanze aggiuntive con la scusa dell'adattamento alle esigenze ambientali e del territorio.

La scuola inizia il 12 settembre (il 5 quella dell'infanzia) e termina il 9 giugno (il 29 quella dell'infanzia). Il nuovo calendario è di 206 giorni e comprende vacanze in corrispondenza di alcune date canoniche (ponte lunedì 31 ottobre, lunedì e martedì di carnevale, lunedì 30 aprile).

Regione Lombardia, con particolare attenzione alle scuole del I ciclo, ha chiarito che le eventuali vacanze aggiuntive non dovranno comportare la chiusura delle scuole (ma la sola sospensione delle lezioni ordinarie) e che dovranno essere concordate con gli enti locali in una logica territoriale.

Il direttore dell'USR Colosio aveva già chiarito che il riferimento lavorativo per i dipendenti è il calendario regionale e dunque che se qualche Consiglio di Istituto, su suggerimento del Collegio Docenti, allunga il brodo delle vacanze, i docenti (per i non docenti e i DS è già così) dovranno fornire in altri momenti prestazioni lavorative aggiuntive (per esempio tramite corsi di recupero pomeridiani senza oneri per l'amministrazione).

Si pone termine definitivamente ad uno scandalo che consentiva ai Collegi Docenti (cioè alla assemblea dei Lavoratori Docenti) di diminuire arbitrariamente il proprio tempo di lavoro (disattendendo persino la previsione del Contratto di Lavoro – art. 28 c.5).

Dunque gli adattamenti si potranno fare ancora ma: 1) andranno ben motivati e giustificati 2) dovranno prevedere le forme di recupero del debito orario dei dipendenti 3) non potranno sensatamente superare le 2 o 3 giornate complessive.

Oggi c'è stata la assemblea dei DS delle scuole monzesi con l'assessore all'istruzione e, a differenza dello scorso anno quando c'erano state titubanze e disinformazioni, si è concordato su questi punti.

 

Info su Claudio Cereda

nato a Villasanta (MB)il 8/10/1946 | Monza ITIS Hensemberger luglio 1965 diploma perito elettrotecnico | Milano - Università Studi luglio 1970 laurea in fisica | Sesto San Giovanni ITIS 1971 primo incarico di insegnamento | 1974/1976 Quotidiano dei Lavoratori | Roma - Ordine dei Giornalisti ottobre 1976 esame giornalista professionista | 1977-1987 docente matematica e fisica nei licei | 1982-1992 lavoro nel terziario avanzato (informatica per la P.A.) | 1992-2008 docente di matematica e fisica nei licei (classico e poi scientifico PNI) | Milano - USR 2004-2007 concorso a Dirigente Scolastico | Dal 2008 Dirigente Scolastico ITIS Hensemberger Monza | Dal 2011 Dirigente Scolastico ITS S. Bandini Siena | Dal 1° settembre 2012 in pensione | Da allora si occupa di ambiente e sentieristica a Monticiano e ... continua a scrivere
Questa voce è stata pubblicata in Etica, Scuola e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


+ nove = 15

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>